Acqua Santanna
TERZO INCOMODO

M5s: “Ora ci prendiamo la Regione”

Dopo la vittoriosa sentenza del Tar, i grillini lanciano il loro guanto di sfida. "La partita in Piemonte è aperta, noi ci prepariamo a governare". Primarie in rete per scegliere i candidati. Grillo a Torino per chiudere la campagna elettorale

“Pronti a prenderci il Piemonte”. Gongola Davide Bono, capogruppo del Movimento 5 stelle in Regione Piemonte e ispiratore del ricorso al Tar che ieri con una sentenza sul giudizio di ottemperanza ha intimato a Roberto Cota l’indizione di nuove elezioni entro una settimana, sotto la minaccia del commissariamento. Un pronunciamento che ha il tratto del colpo finale sulle sorti rantolanti di un governatore già da tempo finito nella polvere assieme alla sua maggioranza.

 

«Percepiamo un clima di crescente entusiasmo, i banchetti e gli eventi che stiamo promuovendo in lungo e in largo per il Piemonte hanno una partecipazione altissima – afferma Bono -. La gente ormai ha capito che centrodestra e centrosinistra sono la stessa cosa, come testimoniato dall’inchiesta Rimborsopoli, che coinvolge tutt’ora ben 9 consiglieri dell’ex coalizione di Mercedes Bresso». Massima è la mobilitazione, nelle piazze e sulla rete. Non si sottrarranno alla battaglia neanche i parlamentari, come il senatore Alberto Airola che su Facebook lancia il guanto di sfida ai partiti: «Per cambiare questo paese dobbiamo cominciare a prenderci anche la presidenza delle regioni... e ovviamente andare in Europa. Cominciamo col Piemonte», mentre il collega Marco Scibona avrà il compito coagulare attorno alla proposta dei grillini la maggioranza del Movimento No Tav, già decisivo nel 2010 per la mancata elezione di Bresso.

 

I grillini piemontesi si preparano, dunque, a una «campagna elettorale lampo e improntata alla sobrietà» e per farlo stanno mettendo a punto gli ultimi accorgimenti tecnici per dare il via alle consultazioni in cui la rete individuerà chi, fra il centinaio di candidati per ora in corsa, avrà i numeri – in tutti i sensi – per entrare in lista e correre per uno scranno a Palazzo Lascaris. Le votazioni potrebbero essere svolte già la prossima settimana (si parla di venerdì), al più tardi quella seguente. Ma non è tutto, dopo questo passaggio ci sarà un altro giro di votazioni interne tra gli aspiranti consiglieri per decidere chi di loro sarà il candidato presidente. «Una scelta dal basso, come abbiamo sempre fatto» prosegue Bono, che parte da governatore in pectore. Presto nomi e cognomi saranno inseriti in una piattaforma sul blog di Beppe Grillo, ognuno corredato da curriculum e da un video di presentazione.  

 

E se Matteo Renzi ha annunciato il proprio approdo a Torino all’inizio del mese prossimo per aprire la campagna elettorale di Sergio Chiamparino, Grillo piomberà invece sul Piemonte negli ultimi giorni prima delle urne per dare l’ultima spinta al suo candidato.

 

print_icon

10 Commenti

  1. avatar-4
    17:00 Lunedì 10 Marzo 2014 diego49 Cambiare verso, ma sul serio

    Sarebbe davvero un cambiamento vero se il M5S potesse governare la regione . Dopo anni di regime e di svedite, aria fresca e finalmente pulita con giovani fuori dai giochi di potere e capaci di proposte alternative alle solite minestre riscaldate e fallimentari del passato .

  2. avatar-4
    23:00 Sabato 08 Marzo 2014 Bandito Libero Pizzarotti se ne va? Chissenefrega.

    Chi porta i voti nei 5 Stelle? Pizzarotti o Grillo? Tutti questi fenomeni che si sentono generali dopo aver fatto il C.A.R. ...

  3. avatar-4
    21:54 Sabato 08 Marzo 2014 patty bastava non raccontare bugie

    la verità è che nel nome della "presa del potere", del "tutti a casa" i grillini hanno mentito, o per ignoranza o volutamente, basando la propria campagna sulla chiusura dell'inceneritore. Cioè si son comportati esattamente come gli altri, forse peggio. Per quanto riguarda il parlare da fuori, conosco 4 persone a Parma, tre hanno votato Pizzarotti, nessuna lo rivoterebbe (sempre che Pizzarotti sia ancora grillino, ieri c'era aria di espulsione perchè aveva osato parlare senza permesso con i colleghi amministratori... non è uno scherzo).

  4. avatar-4
    19:59 Sabato 08 Marzo 2014 Bandito Libero e cosa dovevano fare a Parma? Abbatterlo?

    Patty, cosa avrebbero dovuto fare a Parma i grillini? Abbattere l'inceneritore deciso da altri?? Con altri costi maggiori per la città? Come secondo te Cota dovrebbe abbattere il grattacielo deciso da madama Bresso? Tanto ormai il sommo Fucsas la parcellona super se l'era incassata... E' facile parlare da fuori. Loro almeno ci provano a cambiare le cose.

  5. avatar-4
    17:36 Sabato 08 Marzo 2014 patty fedina pulita? come il loro capo pregiudicato o come l'inceneritore di Parma?

    in italia ci son due grandi partiti il cui capo è un pregiudicato, forza italia e il m5s. Quanto agli inceneritori, i grillini governano Parma, lì c'è giusto un mega inceneritore.

  6. avatar-4
    15:54 Sabato 08 Marzo 2014 Bandito Libero meglio loro o Brancaleòn Chiamparino?

    E' davvero dura scegliere, tutto sommato..

  7. avatar-4
    11:21 Sabato 08 Marzo 2014 cesiracesira74 siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

    via gli inceneritori, via il lerciume di Chiamparino e le dxoramai il M5S si presenta come unica e valida alternativa

  8. avatar-4
    23:57 Venerdì 07 Marzo 2014 malefixz non vedo l'ora

    Il Piemonte sarà la prima regione a 5 stelle spero, dopo tutti i soldi che si sono mangiati tra rimborsi e parcelle faraoniche ad amici, è giusto dare spazio alla nuova politica

  9. avatar-4
    22:16 Venerdì 07 Marzo 2014 nelbeneenelmale Intanto sono gli unici

    a poter vantare la fedina politica pulita

  10. avatar-4
    21:55 Venerdì 07 Marzo 2014 patty sì, l'ultima spinta giù dal burrone...

    vai avanti tu che a me vien da ridere...

Inserisci un commento