POLITICA & GIUSTIZIA

Pd ai giudici: “Basta con questi scontrini”

Un suggerimento del segretario democratico di Torino Morri: "Più magistrati contro criminalità e corruzione e meno a controllare i rimborsi dei consiglieri regionali". E scoppia il caso del vicecapogruppo in Senato Lepri: spese pazze e bugie ai giudici

Se ci fosse stato l’onorevole Razzi di Maurizio Crozza avrebbe lanciato l’ormai celebre “fatti li c… tua”, invece il segretario del Pd Fabrizio Morri si permette di dare solo “un consiglio” ai magistrati che indagano su Rimborsopoli e sulle cene “a scrocco” dei consiglieri regionali. Si parlava di malavita e corruzione, durante un incontro svoltosi a Castellamonte e organizzato dal locale circolo del Pd quando Morri – tra i relatori assieme ai parlamentari Anna Rossomando e Stefano Esposito - decide di dare un «piccolo suggerimento» ai giudici: «forse servirebbero più magistrati sul terreno del contrasto della criminalità e della corruzione e forse meno magistrati che debbono passare settimane per controllare gli scontrini fiscali dei consiglieri regionali. Ma è un consiglio che do senza alcuna voglia di difendere i consiglieri regionali». Un consiglio disinteressato, s’intende, per amor di patria più che per qualche tornaconto personale o di partito. Un intervento forse un po’ incauto che lo stesso Morri, in un successivo colloquio con Lo Spiffero ha corretto il tiro, specificando che quelle parole erano frutto di «un allarme per la penetrazione della criminalità anche in piccoli comuni, dove il livello di guardia è più basso. Figuriamoci se voglio dire ai giudici cosa fare e dove indagare, mi sono limitato a indicare una priorità».

 

ECCO IL VIDEO

 

 

E proprio a proposito delle spese pazze in Consiglio regionale, si aggrava la posizione del vicecapogruppo al Senato Stefano Lepri, che, secondo quanto riportato nell’ordinanza del giudice Roberto Ruscello, avrebbe mentito agli inquirenti durante la deposizione. Si parla di un pranzo avvenuto il 23 dicembre 2010, al termine del quale (ore 14,57) viene emesso uno scontrino da euro 966. Durante l’interrogatorio Lepri spiega di essersi «trattenuto all’interno del ristorante sito in via Segantini 15 “dalle 13 alle 17 circa”». Ma qualcosa non torna, perché sempre secondo quanto scrive Ruscello «Nell’arco temporale in questione […] l’utenza del consigliere regionale risulta infatti avere agganciato costantemente una cella telefonica sita in Torino, via Mercantini 9, zona distante da quella (quartiere Vallette) ove è ubicato il locale citato». Insomma, a quel pranzo, secondo quanto afferma il giudice, l’allora consigliere, oggi senatore, non c’era neanche andato, si era limitato a farsi consegnare lo scontrino per ottenere il rimborso. Una circostanza che, conclude il giudice, «induce a dubitare della credibilità delle spiegazioni rese dall’indagato». Per il difensore di Lepri, avvocato Luigi Chiappero, ovviamente il senatore “ha sempre detto la verità” e i pubblici ministeri hanno riconosciuto, sulla base dell’annotazione della Guardia di Finanza, che “le indagini svolte con l’esame dei tabulati telefonici e con il controllo a campione dei pagamenti effettuati presso i ristoranti non hanno smentito le prospettazioni difensive”. A giudizio del legale tutto “sarà con tranquillità  chiarito e precisato nelle opportune sedi”.

print_icon

15 Commenti

  1. avatar-4
    07:30 Lunedì 03 Novembre 2014 moschettiere Nessuna immunità

    ...e poi non vedo perché bisognerebbe chiudere un occhio (anzi due) sui "ladri di galline". In verità sono ben peggio, perché quando a rubare sono quelli che dovrebbero essere i custodi del sistema, i legislatori, i responsabili... il peccato diventa ben più grave.

  2. avatar-4
    22:54 Giovedì 30 Ottobre 2014 beatrice Galline dalle uova d'oro

    Si sono ladri di galline dalle uova d'oroHanno sbagliato e alla grande quindi che la giustizia faccia il suo corso!!

  3. avatar-4
    15:30 Giovedì 30 Ottobre 2014 marcopuglisi Paperoga.....

    Non sbaglieresti se concludessi con e mai più a fare gli amministratori pubblici. I ladri di galline, come li chiami tu, che guadagnano cifre incredibili al mese FANNO SCHIFO. Per questo non dovrebbero più avere incarichi ne elettivi ne di altro tipo. Almeno vedresti come queste schifezze non ci sarebbero più.

  4. avatar-4
    09:46 Giovedì 30 Ottobre 2014 Paperoga Dietro sti scontrini mancano solo CIA, FBI, KGB e magari anche il MOSSAD.

    Dietro sti scontrini mancano solo CIA, FBI, KGB e magari anche il MOSSAD. I politici indagati restituiscano quanto preso con un pesante interesse e finiamola lì. L'operazione delegittimazione e sputtanamento (se pur a puntate, con qualcuno più pestato ed altri meno)è stata condotta in porto. Ora pm, finanzieri ed inquirenti tornino a concentrarsi non sui "ladri di galline", ma sui veri delinquenti

  5. avatar-4
    08:16 Giovedì 30 Ottobre 2014 Bandito Libero Ratto rampante dimentica i piddini arrestati ieri in Lombardia

    ...per gli affari legati all'expo che sono finiti in gattabuia addirittura per associazione (non mi ricordo se a delinquere o di stampo mafioso) finalizzata alla "gestione" di un pezzo della valanga di appalti che ci sono. Ovviamente i pochi giornali che se ne sono occupati gli hanno riservato una colonnina sulla destra in 20' pagina..era decisamente più importante dedicare le prime 4 pagine a dire quanto è buono quanto è bravo quanto è generoso quanto è magnanimo quanto è in gamba a 90 anni Napolitano, che però non sapeva una cippa di niente di quella trattativa, nè di cosa pensava il suo consigliere giuridico D'Ambrosio. Al che mi viene da pensare: e che ci stavi a fare dunque se le cose accadevano e tu non te ne accorgevi?!??

  6. avatar-4
    16:25 Mercoledì 29 Ottobre 2014 ripa Vorrei chiedere a

    Fabrizio Morri: se esiste una scala delle priorità' dei reati di cui occuparsi, a quale punto dovrebbero scattare le indagini sull'appropriazione indebita di denaro dei contribuenti? Un classico esempio di benaltrismo. Un classico esempio di vacuità'.

  7. avatar-4
    12:48 Mercoledì 29 Ottobre 2014 Ratto rampante Giudici sono già molto attivi contro corruzione:!

    Si tranquillizzi Fabrizio Morri: i giudici sono già molto attivi contro la corruzione. Tant'è vero che ne hanno pescati tanti del PD corrotti o corruttori o presunti tali e indagati : Vedi Orsoni, Sindaco di Venezia (scandalo Mose), Primo Greganti, Penati (Margherita e pio PD), Vasco e Giobanni Errani (Regione Emilia Romagna), Giancarlo Quagliotti, ecc.ecc

  8. avatar-4
    00:38 Mercoledì 29 Ottobre 2014 22settembre go home cose da pazzi

    quando era coooota (con la pugliese alla Cerutti), tutto andava bene, i destroidi erano ladri e mutandari. scomettiamo che trovano l'escamotage per tana libera tutti?

  9. avatar-4
    21:45 Martedì 28 Ottobre 2014 unliberista non è sbagliato però

    ma non sono certo loro che possono dirlo comunque. Queste indagini e processi costeranno parecchio, ben più delle somme in questione. certo bisogna salvaguardare il principio, ma ci vorrebbe una specie di 'franchigia' o lasciare solo il procedimento presso la Corte dei Conti. Interdizioni temporanee, multe e restituzione degli importi; tanto la pena sarà comunque politica, gli elettori possono decidere.

  10. avatar-4
    20:35 Martedì 28 Ottobre 2014 Bandito Libero Cmq Morri avrebbe anche ragione a sostenere la sua tesi SE....

    ...SE si fosse ricordato di dire queste cose, che sono cose anche di buon senso, ANCHE quando sotto il torchio della magistratura c'erano solo il centrodestra tutto e Cota, oltre che ovviamente il reietto Stara e i 3 dipietristi sacrificabili Buquicchio, Cursio e Ponso... Peccato che all'epoca non disse neppure una parola sul tema. E comunque trovo un pochino ipocrita la frase "senza alcuna voglia di difendere i consiglieri regionali": sti piddini la coda di paglia ce l'hanno proprio nel DNA, non c'è proprio niente da fare.....

  11. avatar-4
    19:12 Martedì 28 Ottobre 2014 Svetonio Dura lex sed lex

    E cosi' sara'

  12. avatar-4
    18:36 Martedì 28 Ottobre 2014 moschettiere Brutta gente

    Inutile spiegare le cose a queste persone. Non vogliono certo capire. Lasciamoli parlare, lasciamoli esternare le loro teorie e le loro logiche, così tutti capiranno chi sono e come la pensano! Meglio che si palesino...

  13. avatar-4
    18:06 Martedì 28 Ottobre 2014 marcopuglisi Caro Morri......

    E' criminalità anche quella....anzi forse la peggiore. Perchè se un poveraccio per mangiare ruba...và punito ma si possono comprendere (non giustificare) i motivi che l'hanno indotto a tale atto. Ma se uno che prende 10/12000 euro al mese mette in conto la cena di famiglia o i regali alle amanti o .....insomma la lista è lunga allora quello si è la peggior specie di criminale! E quindi speriamo che ci siano , e ne sono certo, 10 100 1000 Dott. Ruscello!

  14. avatar-4
    17:02 Martedì 28 Ottobre 2014 apota Orwell aveva ragione!

    nella famosa "Fattoria degli animali" di George Orwell,sopra il tribunale vi era la scritta: "La legge è uguale per tutti, ma per qualcuno è più uguale".La metafora è calzante con la situazione Piemontese!In quel libro inoltre, la classe predominante erano i maiali!

  15. avatar-4
    16:59 Martedì 28 Ottobre 2014 Bandito Libero Ruscello è fin troppo buono...

    Quando scrive che «induce a dubitare della credibilità delle spiegazioni rese dall’indagato»: in verità induce a dubitare di BEN ALTRO... :-(

Inserisci un commento