I brontoburocrati non mollano

Li chiamano i dinosauri della pubblica amministrazione, ma non sembrano affatto sul punto di estinguersi. Sono i 70mila fortunati (giudici costituzionali, ambasciatori, grand commis) dai lauti stupendi e grandi privilegi, praticamente intoccabili

“Li ho chiamati dinosauri nella speranza che si estinguano. Ma poiché hanno 50 anni di media, credo che dovremo aspettare”. La prende con ironia il giornalista Corrado Giustiniani, mentre racconta all’Ansa del suo ultimo libro, chiamato per l’appunto Dinosauri (Sperling & Kupfer) in riferimento ai tanti burocrati che affollano le strutture dello Stato lasciando per lo più irrisolti i problemi dei cittadini. Stipendi alti, anzi i più alti del mondo nella Pubblica Amministrazione, a fronte di un Paese che oltre alla crisi economica ci mette del suo in tema d’inefficienza, servizi al cittadino inesistenti, per non parlare di corruzione, opacità e lentezze, e commissioni d’inchiesta che si risolvono in una bolla di sapone lasciando ogni cosa inalterata. Iniquità e ingiustizia dilaniano l’Italia, gravandola di una zavorra che sembra essere il primo ostacolo verso la tanto agognata ripresa.

 

“Il problema - spiega il giornalista - è senza dubbio culturale, ma non solo. In Italia, ci sono persone che diventano ricche con i soldi pubblici, che hanno bonus e privilegi pur non raggiungendo i traguardi: questo non è più accettabile, e non si tratta di essere qualunquisti, perché la generazione dei giovani rischia di non avere un futuro”. Se i politici fissano gli obiettivi, “i dirigenti pubblici hanno autonomia di realizzazione – continua - è così dal '93, e non può essere sempre colpa degli altri se non si ottengono risultati. La vittoria di un concorso pubblico non può essere una giustificazione a vita. È ora che gli uffici divengano fabbriche in cui produrre, come ha ben esemplificato Sabino Cassese”.

 

Snello nella struttura e nel linguaggio, appassionante come un’inchiesta, il libro prende per mano il lettore e lo trascina in un viaggio nelle storture italiane, raccontando dati e storie, citando nomi e fonti, enumerando alcuni di quei 70mila fortunati (tra giudici costituzionali, ambasciatori, avvocati dello Stato) che sembrano avere diritto a tutto, senza dover rendere conto del proprio operato. Se è senz’altro necessario agire su più fronti, anche “cambiando la cultura giuridica predominante nella scelta dei candidati dei concorsi - afferma ancora - a tutto discapito della chiarezza nel linguaggio con cui si scrivono i provvedimenti”, forse la riforma della pubblica amministrazione targata Renzi-Madia “potrebbe addirittura far sperare in qualcosa di buono”.

 

“Ora c’è lo slogan delle riforme anche se non sempre sono una panacea - precisa - i tempi di risposta sono lunghi, ammesso che si riesca a penetrare in tutti i settori. In ogni caso, il ruolo unico della dirigenza e la maggiore mobilità dei dirigenti senza più paletti tra amministrazioni diverse sono un’opportunità, ma la precarizzazione dei candidati con ‘'incarico a 3 anni li porterà a produrre di più, o li legherà maggiormente al carro della politica?”. Una domanda che resta senza risposta, almeno in attesa che la riforma si realizzi, e a cui ne seguono almeno altre tre: come organizzare una scuola della Pubblica Amministrazione davvero efficace? Perché non si riesce in Italia a “fare i giapponesi”, ossia a copiare - visto che da soli non se ne esce - quello che di buono in materia di amministrazione di Stato accade negli altri Paesi? E ancora, perché non ci si ispira ai criteri di assunzione adottati dall’Ue? Un ginepraio di problemi, eppure, da noi non è sempre stato così.

 

“Quando iniziai a fare il giornalista negli anni '70 pensavo, guardando le retribuzioni di allora, che un alto dirigente pubblico avrebbe dovuto guadagnare anche di più, proprio per il difficile lavoro che lo attendeva”, racconta Giustiniani con amarezza, aggiungendo che “negli anni '90 c'è stato però un boom retributivo a cui non è corrisposto un miglioramento nei servizi. Ora è tempo di darci una regolata e cambiare verso la trasparenza”.

 

Corrado Giustiniani

Dinosauri

Nessuna riforma ci libererà dai superburocrati di Stato

Sperling & Kupfer, Milano 2015

pp. 206, 17 euro

print_icon

0 Commenti

Inserisci un commento