CAMPAGNA ELETTORALE

Fassino inciampa nella rete: spot fasullo

Si rivela un autogol la prima uscita sui social del sindaco-candidato nella versione 2.0. Il "cittadino" che lo scorrazza per Torino è un militante e staffista della Regione. Gaffe dei comunicatori, forse è meglio che si affidi a qualche giovane smanettone

Dal Pci al Pc non è solo questione di vocali. È tutto un altro mondo e Piero Fassino se ne sta rendendo conto in queste ore, alla diffusione in Rete della sua nuova campagna social. È un flop il lancio della prima clip, in cui a bordo di una 500 elettrica gira per la città scorrazzato da un “cittadino qualunque” libero anche “di criticare” e di sottoporre i problemi irrisolti del suo quartiere (in teoria). E invece l’esordio si è trasformato in un boomerang.  Innanzitutto perché il “cittadino qualunque”, alias Marco Riva, è in realtà appena stato ingaggiato dall’assessore regionale (Pd) Augusto Ferrari, dunque uno staffista a libro paga della politica. Un giovane (33 anni) per nulla sconosciuto al milieu della sinistra torinese, sin dagli esordi, con l’ex consigliere regionale Mariano Turigliatto, quando fu tra gli animatori della lista Verdi Civica alle elezioni regionali del 2010. Poi è stato candidato dall’Idv alle amministrative del 2011 in Circoscrizione VI, promotore, insieme a un gruppo di militanti democratici, di “Accorciamo le distanze” e infine nominato, dal Consiglio regionale, nel Comitato direttivo del Museo della Resistenza.

GUARDA IL VIDEO

Se c’è una regola in uno spazio, come quello di internet, che regole non ne ha è che non si devono prendere in giro gli altri utenti. “La rete non perdona”era il refrain di Beppe Grillo. Una legge infranta dal primo cittadino. Ne vien fuori una clip a tratti surreale: altro che domande scomode e insidiose, Riva alza la palla e Fassino schiaccia, incalzato, nelle sue risposte, da una valanga di “certo, certo” del giovane “cittadino qualunque”. La risposta della rete è spietata: a poche ore dalla pubblicazione del video, la pagina facebook di Fassino è presa di mira da una serie di commenti sprezzanti:  “Non siete credibili, non prendete per i fondelli quelli di Barriera” scrive Enzo D’Amico, “Che contributo spontaneo e di alta imparzialità” polemizza un altro utente, facendo riferimento all’incarico in Regione di Riva, “Avete intenzione di fare solo video finti come questo o magari anche di interpellare cittadini normali?” si chiede un altro.

Pronto a infierire anche Maurizio Marrone, capogruppo di Fratelli d’Italia in Sala Rossa: “Noi che abbiamo le sezioni e gli sportelli sociali nelle periferie torinesi, a partire proprio da Barriera di Milano, conosciamo la rabbia dei cittadini residenti in questi quartieri e non ci stupisce che Fassino non trovi cittadini veri disposti a salire con lui in automobile a fargli campagna elettorale, a meno che non siano pagati con soldi pubblici in staff di politici del Partito Democratico”.

La frittata è servita. Nella war room del M5s stanno già preparando gli sfottò via social, nel comitato elettorale di Fassino è scoppiato il panico. Dopotutto è la seconda gaffe del sindaco-candidato in versione 2.0, dopo la pubblicazione di una foto in cui venivano esaltati alcuni militanti pentastellati a un presidio contro la criminalità. Meglio sarebbe stato, piuttosto che affidarsi a creativi più o meno blasonati, mettersi nelle mani di qualche giovane smanettone che conosce l’internet e le sue regole (anche quelle non scritte).

E già iniziano a circolare i primi sfottò: ecco quello di Torino in Comune di Giorgio Airaudo

print_icon

23 Commenti

  1. avatar-4
    19:44 Mercoledì 17 Febbraio 2016 Bandito Libero Firme False, tessere false, Gettoni Falsi, primarie false..ora pure Spot Falsi?!?

    E' proprio vero che il PD, a Torino in particolare, è una realtà che supera OGNI fantasia più perversa... Correggo Enea su una cosa però: le Circoscrizioni amministrative sono 10, i Quartieri storici in effetti sono proprio 23, tant'è che, all'inizio della storia delle Circoscrizioni cittadine, credo inizio anni 80 (o prima ancora), c'era una Circoscrizione amministrativa per ogni Quartiere storico, e se la memoria non mi inganna i primi non vennero eletti ma nominati dal consiglio comunale in rappresentanza proporzionale.

  2. avatar-4
    19:14 Mercoledì 17 Febbraio 2016 Dedo capellano Mario Riva il figlio che tutti i torinesi vorrebbero avere.....

    Caro Staff di Fassino e' chiaro che l'autista del sindaco doveva essere un cittadino qualunque non ideologicamente ostile al PD, ma e' stato veramente decadente spacciare Marco Riva, vecchio giovane arnese della politica praticata come lavoro, come un ragazzo che non avendo mai frequentato il potere finalmente puo' parlare dei problemi della citta' niente meno che con il sindaco Fassino.... ha trascorso almeno 10 anni in stretto connubio con il potere.....

  3. avatar-4
    18:25 Mercoledì 17 Febbraio 2016 Giornalismo Investigativo Viva l´onesta´

    Finalmente un messaggio politico chiaro. Riva, basta un giro su internet, e´il direttore dell´ex area INCET il luogo, voluto e finanziato dal Comune, da cui Fassino ha lanciato la propria ricandidatura. Come dire: si fa tutto in casa tra di noi. Una volta tanto viva l´onesta´.

  4. avatar-4
    14:53 Mercoledì 17 Febbraio 2016 Enea Fassino intelligente?

    Ma! Se non sapeva neanche da segretario dei ds che Montepaschi era da quasi 70 anni la pci.bank e godeva per bnl "ora abbiamo una banca". Famosa telefonata costata a Berlu 8o.000 e. Ho letto su Busiarda, firma L. Tortello, che, sempre i suoi creativi organizzeranno incontri nei 23 quartieri. Peccato che da 3o anni siano 10. Certo che conoscono bene la citta! Poveri noi,davvero, se questo squallido figuro farà il bis! Anche se movimento 5 stalle (asini, capre, conigli, giovenche e pecoroni)....Ke fiducia può dare !

  5. avatar-4
    14:09 Mercoledì 17 Febbraio 2016 cittadino Dilettanti allo sbaraglio.

    Prima si chiuda con questa sceneggiata, meglio è per Torino.I vecchi compagni si rivoltano nella tomba.Troppe braccia rubate all'agricoltura

  6. avatar-4
    11:54 Mercoledì 17 Febbraio 2016 curiosity ovvio ma non scontato

    Mi sembra ovvio che Fassino sia debitore in termini elettorali con il sig. Riva o chi sta dietro lui.

  7. avatar-4
    09:24 Mercoledì 17 Febbraio 2016 Dedo capellano Fassino e' intelligente!....... ma e' utile ai torinesi?

    Che il sindaco Fassino sia intelligente non penso sia in discussione, l'importante per continuare ad esercitare la funzione di sindaco di Torino e' che Fassino sia stato utile ai legittimi interessi dei torinesi e su questo punto qualche piu' che leggitimo dubbio c'e'. Nessuno lo ha infilato a forza in giacche ridicole ma e' lui che si e' scelto i collaboratori ed e' lui che ne deve rispondere. Fare il sindaco di una citta' problematica come Torino significa innanzi tutto avere la capacita' di circondarsi di professionalita' di primo livello e non affidarsi ai vari Mario Riva di cui abbondano i salotti della politica cittadina.

  8. avatar-4
    09:21 Mercoledì 17 Febbraio 2016 Cecità Imbarazzante

    Nipote di Politico con la P maiuscola, figlio di politico con la p minuscola. A 23 anni capisco quanto il livello sia rasente lo Zero, se non avete le capacità o se capite in cuor vostro che il tempo dei bluff è volto al termine, per favore, fatevi da parte..non è una sconfitta, il tempo passa per tutti sia da un punto di vista biologico che mentale.Non abbiamo tempo di perder tempo!!

  9. avatar-4
    07:40 Mercoledì 17 Febbraio 2016 usque tandem Il giorno dopo

    Sulla stampa una disperata arrampicata sui vetri per giustificare la gaffe.... Appendino, stai tranquilla, Fassino e Napoli stanno lavorando alacremente alla tua campagna elettorale....

  10. avatar-4
    22:47 Martedì 16 Febbraio 2016 Crisbi Crisbi

    Fassino è una persona seria, intelligente e capace nel far politica. Infilarlo in giacche ridicole mi pare una offesa a lui, ai cittadini e a tutti quelli che possiedono una testa pensante. Si lavora sui talenti, le mancanze appartengono e riguardano tutti. Comunicare bene vuol dire cambiare, un pensiero, una virgola, una valutazione. Meglio la modestia, senza lista della spesa, un lapis, un conta passi. Una idea calzata e calzante dopo una attenta analisi su chi è la popolazione torinese. Una lavagna dei pro e contro, fronte retro ecc...

  11. avatar-4
    22:25 Martedì 16 Febbraio 2016 gastone Roba da Crozza

    Ho appena rivisto il patetico spot del maestro Saffirio, protagonisti Fassino/Riva...bèh se avessi tanti soldi chiederei a Crozza di farci una trasmissione è davvero materia per lui...sulla pubblicità elettorale forse qualche dubbio mi viene

  12. avatar-4
    22:12 Martedì 16 Febbraio 2016 gastone Tutti allo zoopark di Parco Michelotti!

    I buffoni della SMART TORINO: Piero Fassino, Marco Riva, gli amici degli amici e il costosissimo mago della pubblicità Saffirio international (anche agenzia in America lui!) potrebbero fondare un circo equestre, domatore di belve vedrei bene anche Chiamparino detto ganassa (stupensa definizione del grande Pansa!), gli si potrebbe dare lo spazio destinato al grandioso Zoo previsto al parco Michelotti, un po' di bestie mancano, supervisione generale naturalmente della signora Anna Martina!

  13. avatar-4
    18:45 Martedì 16 Febbraio 2016 Bandito Libero ma non solo: Marco Riva ha anche firmato un ricorso 'adiuvandum' pro Bresso...

    ...salvo poi dimenticarsi della legalità quando le firme false erano dei suoi amichetti piddini?!? ;-)

  14. avatar-4
    17:55 Martedì 16 Febbraio 2016 TorineseCriticone Un vero navigatore....

    Sorprendente questo Marco Riva! Leggiamo su Linkedin che lavora alla Open Incet (una nuova creazione dei cosiddetti "innovatori" del sistema Torino) e, sul sito della medesima, che è anche nel CdA del Museo della resistenza su nomina regionale.I più attenti sanno anche che ha lavorato per Homers, quella srl "sociale" che ha sorprendentemente ottenuto la realizzazione del masterplan per la "valorizzazione" della Cavallerizza Reale senza nessun appalto o gara pubblica, un affidamento diretto che nega i principi piu di base della democrazia e permette di decidere arbitrariamente come "vendere" un bene storico-architettonico che appartiene a tutti. E Marco Riva era anche lì, al cuore delle strategie di svendita dei beni pubblici ....

  15. avatar-4
    17:54 Martedì 16 Febbraio 2016 Dedo capellano Mario Riva non sara' mai un cervello in fuga!

    Ecco come si seleziona la classe politica! l'importante e' non aver mai lavorato e non averne proprio voglia!! guardate sul link il curriculum di Mario Riva e pensate ai vostri sacrifici per i vostri figli....certamente Mario Riva non sara' mai un cervello in fuga ma forse diventera' una cariatide stanziale!https://it.linkedin.com/in/marcoriva

  16. avatar-4
    17:14 Martedì 16 Febbraio 2016 adriespo È sempre stato falso

    È sempre stato falso, ve ne accorgete solo ora?

  17. avatar-4
    16:55 Martedì 16 Febbraio 2016 LucaDalessio povero filura

    ma

  18. avatar-4
    16:54 Martedì 16 Febbraio 2016 equazionedicampo Che pena

    Fassino era meno patetico quando parlava in quella strana lingua che voleva essere inglese, e ce ne vuole ...

  19. avatar-4
    16:42 Martedì 16 Febbraio 2016 Fortebraccio Piero Fassino lungo e....

    avanti cosi, complimenti

  20. avatar-4
    16:01 Martedì 16 Febbraio 2016 Paolo5 L'abbiamo pagato noi !

    Sono i creativi che ha foraggiato in questi 5 anni affidandogli vari loghi(Capitale Sport)applicazioni grafiche (mostre, aeroporto, ecc.) Prima ha pagato .... ora incassa ...brutte figure!

  21. avatar-4
    15:49 Martedì 16 Febbraio 2016 nelbeneenelmale sentiamo, quanto costa Saffirio?

    è possibile saperlo? un po' di trasparenza non guasterebbe.

  22. avatar-4
    15:18 Martedì 16 Febbraio 2016 ercole 54 sputtanamento

    Nel fare campagne elettorali così difficili, occorra servirsi di professionisti seri; non totalmente sputtanati nell'immagine e credibilità come quelli che ha scelto Fassino.

  23. avatar-4
    14:59 Martedì 16 Febbraio 2016 usque tandem Complimenti!

    bell'inizio di campagna elettorale....

Inserisci un commento