Acqua Santanna

The King Piero sale sul grattacielo di Passera

Fassino convince gli operai della Wagon Lits a scendere dalle impalcature del Sanpaolo e mettere fine alla protesta. Per loro cassa integrazione e successiva assunzione alle Ferrovie

Come King Kong nel celeberrimo film del 1933 Piero Fassino si è abbarbicato sulle impalcature del grattacielo in costruzione di Intesa Sanpaolo a Torino ed è riuscito a convincere i tre lavoratori della Wagon Lits, saliti mercoledì sera per protestare contro la perdita del posto di lavoro, a scendere dall’edificio. «Ho riferito delle rassicurazioni ricevute dall’amministratore delegato delle Ferrovie Mauro Moretti – ha spiegato il primo cittadino – che con il ministro Passera e il vice Ciaccia mi ha garantito l’impegno del governo a trovare una soluzione». Alle 895 persone della Servirail pare infatti prospettarsi la cassa integrazione e l’assunzione da parte della compagnia pubblica, dopo essere rimasti a casa, a seguito della decisione di Trenitalia di ridurre i treni notturni a media e lunga percorrenza, specie quelli che collegavano il Nord e il Sud.

 

«Ci fidiamo del sindaco – hanno detto Matteo Mele, Antonio Previti e Nicola Sabba -, per la verità siamo costretti ad averla. È chiaro che se non dovessero tener fede alle promesse torneremo a manifestare a gennaio, ancor più incazzati».

print_icon