ECONOMIA DOMESTICA

Iren, la raccomandata è digitale

Grazie alla partnership tra Iren e Nexive le comunicazioni potranno essere scaricate direttamente dal web evitando inutili file agli uffici

Aspettate una raccomandata da Iren ma siete fuori città? Niente paura, a partire dai prossimi mesi, le comunicazioni non ritirate dai clienti resteranno in giacenza digitale e potranno essere scaricate direttamente dal web, con un codice pin, in totale sicurezza e rispetto della privacy, o ritirate presso un’edicola convenzionata. Questo l’annuncio dato questa mattina, nella prima giornata del Salone del Gusto, dall’amministratore delegato di Iren Mercato, Gianluca Bufo. L’iniziativa nasce dalla partnership tra Iren Mercato e Nexive, quest’ultima, piattaforma tra le più importanti nel recapito della posta e dell’e-commerce.  “Il servizio – ha commentato Bufo – permetterà ai cittadini di avere direttamente sul proprio smartphone la raccomandata che attendevano. Servizi evoluti di postalizzazione rendono possibile una comunicazione più efficace e trasparente verso i nostri clienti in momenti delicati quali la contrattazione, l’acquisizione e la fatturazione”.

La multiutility attiva in Piemonte si affida, quindi, ad uno dei principali operatori postali privati in Italia per ottimizzare la consegna di comunicazioni sul territorio e migliorare il servizio ad aziende e cittadini, offrendo anche la possibilità di ritirare la corrispondenza nelle edicole più vicine. La partnership tra Iren Mercato e Nexive, rinforzatasi da luglio 2016, genererà, quindi, ulteriori benefici per la cittadinanza, proponendo due nuovi servizi per un recapito più efficace e capillare. “Si tratta di una misura che non può che facilitare la vita del cittadino – spiega Maria Laura Cantarelli, public affairs and corporate communication director di Nexive – e che dimostra una grande attenzione verso il cliente da parte di Iren. Parliamo di un bel passo avanti per ottimizzare tempi e costi e semplificare la fruizione delle comunicazioni per le persone”.

L’iniziativa ha incontrato anche il favore di Andrea Di Palma, segretario nazionale di Adiconsum: “Plaudiamo a quest’ accordo, al centro dell’operazione, capillare, c’è il cittadino che riceve nuove opportunità gratuitamente. Condividiamo l’importanza e la centralità del singolo consumatore”. Nelle stesse edicole, dove i clienti potranno ritirare le comunicazioni di Iren, da ottobre, si troveranno anche le luci al led dell’azienda: “In questi esercizi, i nostri clienti, troveranno quelle luci a risparmio energetico che fino a poco fa erano acquistabili solo telefonicamente. Tra pochi giorni, saranno disponibili e potranno essere pagate, un po’ alla volta, in bolletta”. 

print_icon

0 Commenti

Inserisci un commento