Acqua Santanna

Sanità: sindacati a Saitta, velocizzare assunzioni 

"Il Piano straordinario proposto dall'assessore Saitta, per abbattere le liste d'attesa, con l'utilizzo di medici specializzandi, rischia di essere inefficace senza nuovo personale infermieristico". Lo affermano Cgil Fp, Cisl Fpe Uil Fpl Piemonte. "E' evidente - spiegano i segretari regionali di Cgil Fp, Cisl Fp e Uil Fpl, Gabriella Semeraro, Calogero Messina e Roberto Scassa - che in una situazione di emergenza come quella attuale dovuta all'influenza, di fatto attesa ed annunciata, i circa 3mila professionisti in meno nella sanità piemontese dal 2010 a oggi e l'assenza di una rete territoriale adeguata si facciano sentire negativamente sull'organizzazione generale del sistema con gravi conseguenze sulla qualità e sulla quantità dell'assistenza sanitaria erogata". I sindacati regionali ricordano che in Italia c'e' un rapporto di 1,5 infermieri per medico, contro i 2,8 Infermieri della Francia, i 3,2 della Germania e i 4,3 della Svizzera. "Non c'è più tempo. Per garantire il diritto alla salute dei cittadini - concludono Semeraro, Messina e Scassa - è necessario avviare una immediata analisi e integrazione delle carenze di personale in sanità attraverso un confronto serrato con le organizzazioni sindacali. Non tollereremo eventuali appalti di prestazioni al privato. Il sistema sanitario va difeso e garantito. Le proposte in campo ci sono e ora la Politica dovrà decidere. Noi siamo pronti".

print_icon