REGIONE

Sanità, 116 milioni in più per il Piemonte

Accordo all’unanimità in Conferenza delle Regioni. Rispetto al 2016 ci sono 1,58 miliardi di fondi aggiuntivi a livello nazionale. Saitta: “Sono soddisfatto. Così avremo certezza delle risorse disponibili”

La Conferenza della Regioni ha raggiunto questa mattina l’accordo sulla ripartizione del fondo sanitario 2017. Rispetto allo scorso anno, c’è un aumento di risorse per 1,58 miliardi. Per quanto riguarda il Piemonte l’incremento sul 2016 è di circa 116 milioni, fondi che saranno prevalentemente vincolati a una serie di nuovi costi sanitari, come la spesa per i farmaci innovativi contro l’Epatite C, per i farmaci oncologici, per i nuovi vaccini, per il rinnovo del contratto di settore, per la stabilizzazione dei precari.

“Giudico in maniera assolutamente positiva il fatto che per il secondo anno di fila l’intesa sia stata definita all’inizio dell’anno – commenta l’assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta -. Sono soddisfatto perché solo in questo modo è possibile avere certezza delle risorse effettivamente disponibili e di conseguenza impostare correttamente la programmazione”.

Proprio sul tema dei nuovi farmaci contro l’Epatite C, Saitta ha incontrato, anche in qualità di coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni, il direttore dell’Aifa Mario Melazzini, impegnato nella trattativa con le aziende farmaceutiche per la riduzione del costo. “L’Aifa è determinata ad ottenere entro la fine del mese l’abbassamento del prezzo dei farmaci almeno a 4mila euro – aggiunge Saitta -. Dalle Regioni c’è il pieno sostegno a questa azione: vorrebbe dire infatti poter curare più del doppio dei pazienti attualmente curati”.

Il totale del fondo sanitario nazionale per il 2017, compresi gli accantonamenti e altre risorse che saranno ripartite successivamente, è di circa 113 miliardi. Sottratte tali somme il totale del Fns 2017, sul cui ripartimento oggi è stato trovato un accordo unanime nel corso della conferenza delle Regioni, ammonta a 109.218.471.696. Nel dettaglio le risorse previste per il Lazio ammontano a poco più di 10,5 miliardi (10.505.576.659) per la Lombardia a quasi 18 miliardi (17.963.680.824) e per la Campania a poco più di 10,2 miliardi (10.254.024.529). Le tre regioni, Lombardia, Lazio e Campania, sono quelle che beneficeranno delle quote maggiori del Fsn 2017 nella ripartizione fatta quest'anno con nuovi criteri che tengono conto dell'incidenza della vecchiaia sulla popolazione regionale e della deprivazione socio economica. La proposta delle Regioni sarà inoltrata quindi al ministro della salute, Beatrice Lorenzin.

print_icon

1 Commenti

  1. avatar-4
    22:25 Giovedì 23 Febbraio 2017 tandem Annunciazione....

    Come annuncio non è male, ma vista l'abitudine agli annunci di Saitta, vediamo se ci poi saranno i fatti. Se i fondi serviranno solo a tappare i buchi o miglioreranno in qualche modo una sanità disastrata...

Inserisci un commento