REGIONE PIEMONTE

La Sanità perde la testa

Lascia l'incarico Demicheli, attuale numero due dell'assessorato e a lungo al vertice. Saitta prende atto e prepara l'avvicendamento in Corso Regina. Epidemiologo di fama tornerà al suo lavoro

Di lui si era parlato come uno dei papabili alla successione di Fulvio Moirano alla direzione regionale della Sanità, ma Vittorio Demicheli, epidemiologo alessandrino di fama nazionale, non presentò neppure domanda per quel posto rimanendo, anche con l’arrivo di Renato Botti al vertice operativo di corso Regina, nel suo ruolo di vice. Che oggi ha annunciato di lasciare. Ai suoi stretti collaboratori ha spiegato di aver presentato le dimissioni all’assessore Antonio Saitta e allo stesso Botti, i quali “hanno preso atto”.

Demicheli che, “regnante” Moirano, si era occupato di questioni di notevole rilevanza e pure assai spinose come la riforma della psichiatria e il varo della riorganizzazione della rete territoriale non lascerà subito il suo ufficio, ma come concordato con assessore e direttore, resterà per dar modo di individuare chi assumerà le sue funzioni (l’altro vice è l’amministrativo Claudio Baccon, vicario che fu reggente dopo la partenza di Moirano per la Sardegna e prima dell’arrivo di Botti dal ministero) e passare, quindi, le consegne.

Una decisione quella di Demicheli che ha suscitato un certo stupore negli ambienti di corso Regina, tanto più che giunge ad alcuni mesi di distanza dalla nomina dell’ex alto dirigente del dicastero avvenuta nel novembre scorso. Ovvio lo scatenarsi di dietrologie, anche se forse la spiegazione più probabile sta nel fatto che Demicheli aveva già in passato lasciato intendere di voler concludere la sua carriera (andrà in pensione tra circa un anno) là da dove era stato fino al suo arrivo alla vicedirezione, ovvero al Seremi, il Servizio di riferimento regionale di epidemiologia per le malattie infettive che ha sede ad Alessandria ed è, di fatto, una sua “creatura” che ha diretto per anni. Il dirigente, che fu direttore regionale della Sanità con l’allora assessore Mario Valpreda e poi con Eleonora Artesio, dovrebbe lasciare corso Regina tra alcuni mesi, probabilmente dopo l’estate. Per la scelta del suo successore, insomma, c’è tempo anche se, ovviamente, questo annuncio scatenerà pronostici e aspirazioni.

print_icon

2 Commenti

  1. avatar-4
    05:18 Martedì 04 Aprile 2017 tandem Forse.......

    Essendo de Micheli una persona onesta forse non è sufficientemente assenziente alle politiche di smantellamento della sanità pubblica messe in atto da Saitta. Meglio importare personaggi come Botti, Soro e Alberti, spacciandoli per geni mentre sono stati scelti per la loro cieca obbedienza.......

  2. avatar-4
    23:36 Lunedì 03 Aprile 2017 Pacioc per forza...

    i "normali" scappano da quell'assessorato. I 5 Stelle hanno il futuro garantito. Chiampa....flop.

Inserisci un commento