GIUSTIZIA

Timbravano e uscivano
indagati 22 “furbetti” Asl

Ciclone giudiziario su impiegati, funzionari e medici dell'azienda sanitaria di Alessandria, in forze all'ex ospedale di Ovada. Le telecamere avrebbero accertato ripetuti e numeri casi di allontamento dal servizio

Ventidue dipendenti dell’Asl di Alessandria indagati per truffa aggravata. È questa l’ipotesi di reato che il pubblico ministero della Procura della Repubblica del capoluogo, Silvia Saracino, contesta a impiegati, funzionari e medici in servizio al distretto sanitario di Ovada. Le indagini svolte nei mesi di settembre e ottobre del 2014 dalla Guardia di Finanza su disposizione della magistratura avrebbero fatto emergere una pratica piuttosto diffusa, sia visti i ripetuti fatti contestati in un periodo di appena due mesi sia il numero di indagati, ovvero l’uscita dal posto di lavoro senza “stimbrare”. Insomma, i dipendenti sarebbero risultati in ufficio o a svolgere le loro mansioni all’interno della struttura, l’ex ospedale Sant’Antonio, mentre in realtà sarebbero stati altrove. E, secondo l’accusa, non per motivi di servizio.

L’inchiesta poggerebbe soprattutto su filmati registrati da telecamere nascoste all’interno della struttura sanitaria dagli investigatori della polizia giudiziaria. Immagini che incrociate con i tabulati degli apparecchi per la timbratura di ingressi e uscite avrebbero fatto emergere le irregolarità che il sostituto procuratore contesta negli avvisi di garanzia e contestuale comunicazione di chiusura indagini. Ad oggi nessun provvedimento cautelare è stato assunto e la stessa Asl, in mancanza di ciò e in assenza di comunicazioni della magistratura (che arriveranno probabilmente dopo l’udienza preliminare) non ha preso alcuna misura nei confronti dei dipendenti indagati.

print_icon

2 Commenti

  1. avatar-4
    09:40 Mercoledì 19 Aprile 2017 già... Diritti acquisiti.

    L'esenzione per patologia 002 “MALATTIE CARDIACHE E DEL CIRCOLO POLMONARE ” , infarto e altro non c'è più. Il diritto di ieri è sparito in una notte. Per test da sforzo, ecocardio, visita, analisi del sangue ecc...ecc.. ora si deve pagare il caro ticket...Già... Ed ecco nell'articolo sopra dove vanno a finire i soldi dei malati. Grazie Saitta, grazie Chiamparino e grazie direttori generali. Che buon pro faccia a voi e alle vostre famiglie!

  2. avatar-4
    22:52 Martedì 18 Aprile 2017 ALIENO1951AC MA IL DG DELL'ASL CHE FA, RIPOSA ? DOPO QUASI 3 ANNI ANCORA LI RETRIBUISCE TUTTI E 22 A NOSTRE SPESE ?

    MA LA LEGGE MADIA PER SOSPENDERE IMMEDIATAMENTE GLI INDAGATI E LICENZIARLI ENTRO 30 GIORNI NON SI APPLICA ALLA MOSCA DEL PIEMONTE, CITTA' REGINA DEI RENZIANI ? CHE SCUSE HANNO PER DISCOLPARSI QUESTI STAKANOVISTI ? LICENZIARLI IN TRONCO E FAR POSTO AD ALTRI GIOVANI SENZA LAVORO. INDIVIDUI VERGOGNOSI E SENZA DIGNITA': PERSINO MEDICI CHE TRUFFANO SUL CARTELLINO DELLE PRESENZE ! MA IL DIRETTORE GENERALE DELLA ASL COSA ASPETTA ANCORA - DOPO TRE ANNI - A SOSPENDERLI DAL LAVORO E DALLO STIPENDIO ? ASPETTA CHE VADANO TUTTI E 22 IN PENSIONE O ANCHE LUI NON TIMBRA ? E LA PM COSA ASPETTA DOPO 3 ANNI CHE I FILMATI SONO A DISPOSIZIONE COME PROVE PROBANTI ? MA CHE ITALIA E\' QUESTA ! A REDIPUGLIA CI SONO LE TOMBE DI 100.000 CADUTI, SOPRATTUTTO VENTENNI DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE, IN QUESTA ITALIA ORMAI DIVENUTA FETIDO ESEMPIO MONDIALE DI CORRUZIONE E TRUFFA. ED ANCHE A OVADA, UN PAESOTTO DI MENO DI 12.000 ABITANTI, CON LAVORATORI CHE VANNO A SPASSO E INCASSANO LO STIPENDIO SENZA RITEGNO ! MA DOVE VANNO ANZICHE\' LAVORARE, OVADA NON E\' LAS VEGAS, TORNATE IN OSPEDALE A LAVORARE ! ! ! POSSIBILE CHE NON CI SIA MAI UN TIZIO CHE CONTROLLI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! DA QUANTI ANNI ANDAVA E VA AVANTI QUEST'INDECENZA VERGOGNOSA ?

Inserisci un commento