PROFONDO ROSSO

Appendino si cucina Quaglia
E il debito slitta al 2018

Colpo di scena per far quadrare i conti del Comune di Torino. Una provvidenziale lettera del presidente Ream (e della Fondazione Crt con il placet della sindaca) risolve l’enigma dei 5 milioni sull’affaire Westinghouse. Se ne riparla tra un anno

La lettera, tanto attesa, è arrivata provvidenziale questa mattina, a poche ore dall’approdo del bilancio previsionale 2017 in Sala Rossa. Poche righe con cui il presidente della Ream - e della Fondazione Crt - Giovanni Quaglia corre in soccorso della sindaca Chiara Appendino e concede al Comune di Torino un altro anno per restituire i 5 milioni di euro (più gli interessi fissati a 216mila euro) versati nel 2012 come caparra in cambio del diritto edificatorio sull’area ex Westinghouse, prima che l’operazione fosse assegnata, tramite bando all’Amteco & Maiora, in cordata con Esselunga. La posta viene inserita nel bilancio del prossimo anno e così l’amministrazione spera di sterilizzare in un sol colpo le polemiche politiche, la riforma del parere dei revisori dei conti e soprattutto gli esposti sulla vicenda depositati in Procura dal capogruppo Pd Stefano Lo Russo assieme al collega del centrodestra Alberto Morano e quello di Maurizio Marrone dei Fratelli d’Italia alla Corte dei Conti.

LEGGI LA LETTERA DI QUAGLIA AD APPENDINO

Un gesto con cui Quaglia conferma la propria “disponibilità” nei confronti di Appendino, la stessa che all’inizio dell’anno lo aiutò nella scalata al vertice della Fondazione Crt. Una non belligeranza, quella di Palazzo Civico (e della Regione Piemonte), particolarmente gradita anche al regista di quella delicatissima operazione, ovvero Fabrizio Palenzona. E chissà che tra via Milano e via XX Settembre non sia nato un asse, sancito a febbraio, quando a varcare l’ufficio della sindaca fu proprio il “camionista di Tortona” nei giorni caldi del rinnovo dei vertici della Cassa di Risparmio e della ricapitalizzazione di Unicredit.

Intanto, i revisori dei conti si prendono ancora alcuni giorni per integrare il loro parere - espresso con riserva - sul bilancio previsionale. Lo hanno comunicato attraverso una lettera inviata al Comune.

print_icon

0 Commenti

Inserisci un commento