SANITA'

Vaccini, il Piemonte tira dritto

Obbligatori per tutti i bambini iscritti a nidi e materne. La maggioranza procede con un testo unificato. Anche il centrodestra si allinea. Accuse al M5s: "Fa melina per quattro voti"

La Regione Piemonte introdurrà l’obbligatorietà dei vaccini per i bambini iscritti negli asili nido e alle materne, quindi in età compresa tra zero e cinque anni. È questo l’impianto della norma cui sta lavorando la giunta, secondo quanto comunicato dall’assessore alla Sanità Antonio Saitta nel primo giorni di discussione in Commissione, dove sono stati depositati anche due disegni di legge della maggioranza. Nel giorno in cui il ministro della Salute Beatrice Lorenzin annuncia un decreto legge per accelerare i tempi per l’approvazione di una norma nazionale che imponga le vaccinazioni per l’accesso alla scuola dell’obbligo, anche la Regione manifesta una certa urgenza. Sulla stessa linea – almeno per quanto riguarda l’impianto generale – centrodestra e centrosinistra, mentre il Movimento 5 stelle è tornato ad adottare una posizione piuttosto ambigua, soprattutto dopo che in mattinata un gruppo di genitori contro i vaccini hanno intasato le caselle mail dei consiglieri per chiedere un passo indietro. Salvo poi spacciare l’iniziativa come una battaglia per rivendicare generali principi di libertà.

Oggi quelle obbligatorie sono quattro (contro difterite, tetano, poliomielite ed epatite B). Regioni come la Toscana stanno esaminando una norma che prevede la possibilità di allargare l’obbligo per la fascia 0-5 anni anche alle vaccinazioni che oggi il Ministero qualifica come “raccomandate”, fra cui meningite, morbillo, pertosse, parotite, rosolia e varicella. La maggioranza ha presentato due testi: uno del capogruppo di Sel Marco Grimaldi - n. 232 su “Obblighi vaccinali per la frequenza degli asili nido” e l’altro di Antonio Ferrentino (Pd) - n. 230 su “Disposizioni in materia di tutela della salute e di accesso ai servizi per la prima infanzia”. Le due proposte verranno accorpate in un testo unico. Un emendamento al provvedimento di Grimaldi, presentato dallo stesso primo firmatario, prevede inoltre di estendere il principio anche ai vaccini solo raccomandati “quando sussistano condizioni locali di rischio in atto e livelli di copertura vaccinale insufficienti ad assicurare la protezione dei soggetti interessati, la frequenza scolastica o di altre collettività a lunga permanenza può essere subordinata alla vaccinazione protettiva”.

La polemica scoppia anche sui social: «Mentre il governo annuncia di essere pronto a intervenire per decreto, in Consiglio regionale non si riesce ad andare avanti per la melina dei 5 stelle – denuncia il presidente della commissione Istruzione Daniele Valle (Pd) –. “Noi non siamo contrari e anzi abbiano fatto fare ai nostri figli tutte le vaccinazioni, però…” – prosegue il consigliere facendo il verso ai grillini -. Però per quattro voti siamo pronti a tutte le piroette necessarie per non arrivare a prendere una posizione chiara».

“Forza Italia è a favore di tutti i provvedimenti che consentano l’accesso nelle scuole dell’infanzia solo ai bambini vaccinati” affermano a margine dei lavori della IV Commissione il capogruppo azzurro Gilberto Pichetto e la collega Claudia Porchietto. “Crediamo sia corretto valutare la possibilità di vietare l’accesso alle scuole anche a quei bambini cui non vengono somministrati i vaccini raccomandati oltre quelli obbligatori – proseguono i due -. È necessario essere responsabili quando si tratta di questi argomenti e pensare all’interesse generale senza seguire teorie che ad oggi non sono supportate da una adeguata letteratura scientifica”.

Già fissata per martedì prossimo (ore 9,30) una nuova seduta delle commissioni congiunte Sanità e Istruzione per procedere con il calendario dei lavori a partire dalle audizioni.

print_icon

0 Commenti

Inserisci un commento