ECONOMIA DOMESTICA

In Piemonte si tira la cinghia

In Trentino, Lombardia, Veneto ed Emilia si trova più facilmente lavoro e si guadagna di più. Milano stacca Torino in tutte le graduatorie. Restano differenze di trattamento tra uomini e donne. Il Vco è una delle poche isole felici

Un Nord sempre più ricco, che aggancia la crescita e cerca nuove opportunità e un Sud che sprofonda in una perenne crisi di lavoro, fiaccato da un tasso di disoccupazione altissimo. È questa la fotografia scattata dall’Osservatorio statistico dei consulenti del lavoro per il 2016 all’interno della seconda edizione del rapporto “Le dinamiche del mercato del lavoro nelle province italiane”, presentato a Napoli durante la giornata di chiusura del 9° congresso nazionale di categoria. Uno scenario nel quale il Piemonte viaggia al di sopra della media nazionale, sia per quanto riguarda il tasso di occupazione sia per gli stipendi dei suoi lavoratori, ma che restringendo il focus sull’Italia settentrionale cede il passo rispetto alle più dinamiche Lombardia e Veneto.

LEGGI LA RICERCA

Per quanto riguarda il tasso di occupazione, per esempio, nessuna delle province piemontesi rientra nella top ten nazionale. All’11° posto si piazza Cuneo con il 67,7% degli occupati, sei gradini più in basso c’è il Vco con il 66,8 mentre Asti è al 28° posto con il 65,5 per cento. Eccolo il podio piemontese. Molto più indietro Torino, ferma al 43° posto con un tasso di occupati al 63,9%, mentre il fanalino di coda è Novara, 58ª con il 62,5%. Significativo un dato: le ultime quarantacinque posizioni sono tutte appannaggio delle province del Mezzogiorno con il record negativo riservato a Reggio Calabria (37,1% di occupati), quasi la metà di Bolzano, prima con il 72,7. La vicina Milano si conferma più di un gradino avanti rispetto a Torino, piazzandosi sesta con il 68,4%. Cuneo e Verbania sono anche le province piemontesi in cui è più basso il tasso di disoccupazione: entrambe al 6,3%, mentre il record negativo spetta ad Alessandria (10,8%) e Torino (10,4%), davanti a Novara (9,4%) e Vercelli (9%).

La provincia del riso è anche quella in cui gli stipendi dei lavoratori dipendenti sono i più bassi, “solo” 1.306 euro al mese rispetto ai “paperoni”, si fa per dire, del Vco che raggiungono i 1.412 euro mensili. Il dato di Vercelli è di poco sotto la media nazionale - 1.313 euro - a dimostrazione di come il Piemonte sia tra le regioni dove il lavoro viene pagato meglio in un contesto, quello nazionale, in cui si va dai meno fortunati dipendenti di Ascoli Piceno , fermi a 1.004 euro mensili ai lavoratori di Bolzano con 1.476 euro netti in busta paga. Una differenza per certi versi abissale. Altro discrimine non da poco è il gap uomo-donna, che in modo più o meno evidente incide in tutto l’italico stivale, con stipendi mediamente inferiori per il gentil sesso del 25 per cento. Nei dati, elaborati sulle tabelle Istat del 2015, il Vco si conferma nella top ten delle province italiane, piazzandosi al settimo posto. Seguono a una discreta distanza Torino, a quota 1.351 euro, Novara (1.332), Asti (1.329) e Biella (1.324). Fanalini di cosa Alessandria (1.312), Cuneo (1.307) e, in ultimo, Vercelli, appunto, dove la busta paga di un dipendente pesa in media 105 euro in meno al mese rispetto ai vicini del distretto dei laghi.

Nella ricerca viene anche calcolato un “indice sintetico di efficienza e di innovazione del mercato del lavoro” che tiene conto di una serie di pramatri tra cui il tasso di occupazione, il rapporto tra uomini e donne, la percentuale di lavoratori che esercitano professioni altamente qualificate e altri, stilando la classifica delle province più dinamiche ed efficienti da questo punto di vista. Nei primi due posti figurano Bologna e Milano, poi Lecco, Monza e Brianza, Trieste e Biella, la prima delle piemontesi. Nel primo gruppo compaiono anche Novara (17ª) e Vco (22ª), mentre Torino figura nel secondo gruppo al 25° posto, un gradino sotto rispetto all’anno precedente, insieme a città meno dinamiche di quelle appena citate, come Roma, Genova e Ancona. Chi non se la passa meglio, in questa speciale graduatoria, sono Alessandria (50ª) dopo un ruzzolone di 17 posizioni, Vercelli (51ª) dopo aver perso 13 posizioni, e Cuneo 52ª, giù di 11 posti; mentre Asti è ultima tra le piemontesi, 56ª, ma in salita di cinque posizioni.

print_icon

0 Commenti

Inserisci un commento