PALAZZO LASCARIS

Legge regionale sull’usura “marchettone ideologico”

Varato un provvedimento per contrastare il fenomeno. Ma per dare concretezza a sacrosanti principi destina appena 300mila euro al fondo per sostenere le vittime, mentre elargisce 1 milione al funzionamento dell’Osservatorio. Critiche le opposizioni

Il Consiglio regionale del Piemonte ha dato oggi il via libera a una nuova legge contro l’usura. Nel provvedimento, promosso dal Pd, viene previsto lo stanziamento di un milione di euro l’anno per il funzionamento dell’Osservatorio sull’usura e 300 mila euro annuali per l’istituzione di un fondo per il sostegno delle vittime, allargandone la platea anche a chi incorra in fenomeni di sovraindebitamento o di estorsione.

Centrosinistra e Movimento 5 Stelle si sono espressi a favore, mentre non hanno partecipato al voto le forze del centrodestra, fortemente critiche, come anche i pentastellati, sulla dotazione finanziaria, ritenuta insufficiente. “Con le risorse attuali – spiega Claudia Porchietto (Forza Italia) –  si rischia di illudere soggetti che già si sentono abbandonati dallo Stato”. Per l’opposizione, insomma, dietro alle buone intenzioni si celano interessi di bottega politica: “Bisogna dire basta alle legi di principio senza portafoglio. La sensazione è che la Regione in questa legislatura rincorra i grandi temi con leggi che esprimono grandi principi senza però accompagnare le iniziative con una adeguata dotazione finanziaria – attacca l’esponente azzurra –. I cittadini, come si è visto alle amministrative, non abboccano più ai marchettoni ideologici”.

Il rischio che una buona legge appaia solo “come una bella dichiarazione di intenti” è paventato anche dai grillini che avevano proposto di incrementare fino a un milione e 200 mila euro il fondo per il sostegno delle vittime. “La Regione deve prendere atto che agire per contrastare fenomeni tanto preoccupanti è una scelta che condividiamo tutti – affermano i consiglieri pentastellati –, ma che non può distogliere l’attenzione dalle politiche recessive che hanno portato l’economia piemontese nel baratro”.

Improntata a una ricetta di sano liberismo è, invece, la posizione espressa in aula dalla capogruppo della Lega, Gianna Gancia. “Non sarà invocando l’ennesimo intervento pubblico che si risolverà il problema dell’usura, quando proprio lo Stato è troppo spesso la causa dei ritardi nei pagamenti che mettono in crisi le aziende, fino a farle fallire. La via è invece quella di ridurre le spese della macchina pubblica, quindi le tasse”. Per l’ex presidente della Provincia di Cuneo la soluzione è nel “minore intervento dello Stato, minori vessazioni alle aziende, che devono essere lasciate libere di lavorare”.

“La qualità di una legge –  ha replicato alle critiche il primo firmatario Domenico Rossi, dopo che il vicepresidente e assessore al Bilancio Aldo Reschigna ha ribadito che per il 2017 non saranno reperibili ulteriori risorse – non si misura solo in base alla norma finanziaria. Con questo provvedimento si allarga la platea dei beneficiari e si introducono azioni di prevenzione, sostegno e accompagnamento che prima non c’erano”.

print_icon

0 Commenti

Inserisci un commento