TRAGEDIA

Piazza San Carlo, ora c’è il morto

Non ci sono più speranze per Erika, la 38enne rimasta schiacciata dalla folla nella notte del 3 giugno. Le indagini della Procura non hanno ancora accertato le cause che hanno scatenato il panico, si pensa all'utilizzo di gas urticante. Un tempo si sarebbe scritto: la polizia brancola nel buio

Saranno donati gli organi di Erika Pioletti, secondo quanto disposto dalla famiglia. È in condizioni irreversibili all’ospedale San Giovanni Bosco di Torino dopo essere stata vittima del terrore di piazza San Carlo nella notte del 3 giugno. Ebbe un infarto per schiacciamento toracico e dopo due settimane di coma non vi sono più speranze. Troppo grave il danno cerebrale causato dalla folla che l’ha travolta, ora non resta che attenderne il decesso. Al suo capezzale si è precipitata anche la sindaca Chiara Appendino, mentre in Comune è già stata rinviata la prima seduta della commissione d’indagine chiesta dalle minoranze e in cui sarebbe dovuta intervenire proprio la sindaca. Oggi a Torino il tempo si ferma.

È uscita, invece, dalla rianimazione universitaria dell’ospedale Molinette la 26enne Francesca, trasferita in un reparto di degenza, dal momento che, secondo fonti sanitarie “sta meglio”. Stabile Marisa, 63 anni, l’altra donna ricoverata nell’ospedale torinese.

Residente a Domodossola e impiegata in uno studio commercialistico Erika, 38 anni, non era una tifosa di calcio, si trovava nel capoluogo per accompagnare il fidanzato, supporter juventino, anche lui ferito ma in modo decisamente più lieve. È stato subito chiaro che Erika era la più grave degli oltre 1.500 feriti della notte torinese. Era stata schiacciata dalla folla contro un muro e il trauma toracico le aveva causato un arresto cardiaco; per diversi minuti il sangue non era arrivato al cervello, arrecandole danni che si sono rivelati irreversibili. La mamma Anna le è stata sempre al fianco nei 12 giorni di calvario, in cui i medici hanno provato invano a risvegliarla dal coma. Dopo quella notte non ha mai più ripreso conoscenza.

Con la morte di Erika è destinato con ogni probabilità a cambiare anche lo scenario giudiziario di una indagine, quella coordinata dai pm Vincenzo Pacileo e Antonio Rinaudo, nata con l’ipotesi di reato di lesioni plurime che ora aggiungerebbe quella di omicidio colposo. L’unico ad aver ricevuto un avviso di garanzia, finora, è stato Antonio Strazzella, il proprietario del Caffè San Carlo, noto locale all’angolo con via Santa Teresa, cui però viene contestato l’articolo 650 del codice penale, ovvero la “inosservanza dei provvedimenti dell’autorità”, un provvedimento non siglato dai magistrati inquirenti. Al momento l'inchiesta agisce su due frontI: da una parte punta ad accertare le responsabilità nella gestione della piazza, dall'altra intende far luce sulla causa, o più probabilmente sul concatenarsi di più cause, che ha scatenato il panico.

Gli inquirenti si muovono anche su un’altra ipotesi. “Alcune delle persone sentite hanno riferito di avere accusato difficoltà respiratorie, equiparando la sintomatologia a quella causata dalla propagazione aerea di sostanze urticanti”, spiega il procuratore capo Armando Spataro in una nota. Per questa ragione “al fine di vagliare la fondatezza di tale circostanza, i Vigili del Fuoco di Torino sono stati incaricati di effettuare accertamenti relativi anche all’impianto di aerazione del parcheggio dislocato nel sottosuolo della piazza”. La procura, però, sembra volersi concentrare soprattutto sulla gestione della piazza, ragione per cui gli agenti della Digos hanno acquisito i documenti di Comune, questura, prefettura, 118, Vigili del Fuoco, Provincia di Torino e Turismo Torino sull’organizzazione dell’evento. La novità di oggi, però, è questa: Spataro, dopo un confronto con gli altri magistrati titolari del fascicolo, ha anche deciso che le informazioni “ostensibili” sull’inchiesta verranno diffuse dalla procura con comunicati stampa “anche al fine di scongiurare la propalazione di notizie inesatte, prive di riscontro o, addirittura, fantasiose”.

Da giorni gli investigatori stanno procedendo con gli interrogatori e tra coloro che all’interno di Palazzo Civico potrebbero fornire elementi utili c’è il direttore Paolo Lubbia, del Suolo Pubblico, il più alto in grado all’interno della macchina amministrativa a essersi occupato della vicenda di piazza San Carlo. Da verificare inoltre la posizione dell’ex comandante dei vigili Alberto Gregnanini. Non si sa da chi sia partito l’ordine ma di certo è stato chiesto il suo intervento, nonostante non avesse più alcun incarico formale. E l’ex numero uno dei civich, infatti, è comparso in piazza nelle ore calde.

print_icon

1 Commenti

  1. avatar-4
    16:27 Venerdì 16 Giugno 2017 patty Quindi per provare a gestire l'imminente disastro hanno richiamato all'ultimo un ex dipendente?

    E allora tanto valeva richiamare anche qualche ex sindaco, ma senza aspettare l'inevitabile. Disastro.

Inserisci un commento