SANITA'

“Striscia la glicemia”, risparmi per 13 milioni

Da Consip a Scr: con il nuovo appalto la Regione riduce i costi dell’autodiagnosi per diabetici, oltre 90mila in Piemonte. Saitta: “Noi modello per tutta Italia, fondi destinati a investimenti”

Tredici milioni. È la cifra che la Regione riesce a risparmiare riducendo il costo delle strisce utilizzate dai diabetici per il controllo quotidiano della glicemia. Grazie a una gara effettuata dalla società di committenza regionale Scr, il costo di ogni singola striscia scende da 46 centesimi pagato fino all’inizio del 2016 come stabilito da un precedente appalto effettuato da Consip agli attuali 0,0896 euro. Se poi si tiene conto che il costo medio in Italia di questo presidio medico è di circa 55 centesimi, la scelta del Piemonte non sono avvantaggia le casse della sanità regionale – in condizione di poter investire altrimenti la cifra risparmiata – ma conferma come una riduzione dei costi anche in sanità sia possibile e praticabile.

Nel territorio piemontese sono oltre 90mila i pazienti  che effettuano il controllo della glicemia una o più volte al giorno. Un mercato considerevole, che comporta anche un esborso notevole  per il sistema sanitario nazionale. “Su questo versante, il Piemonte può diventare un modello nazionale per qualità e risparmio nell’acquisto dei presìdi per i diabetici: glucometri, dispositivi pungidito, strisce reattive e lancette pungidito monouso” ha osservato l’assessore alla Sanità Antonio Saitta, sottolineando come la modalità scelta dalla Regione sia stata adottata, con l’adesione alla procedura effettuata da Scr, anche dall’Asl dell’Alto Adige, quella diretta da Thomas Shael, l’ex uomo dei conti per un lungo periodo distaccato dal ministero in corso Regina per seguire la procedura del piano di rientro.

Alla gara si sono presentate 11 aziende: l’offerta più vantaggiosa è stata giudicata quella presentata  dalla società Biochemical Systems International che ha ottenuto il punteggio più alto sia per la qualità del prodotto offerto sia per il prezzo. La Regione ha dato, inoltre, indicazioni ai centri di diabetologia di prescrivere ai nuovi pazienti le strisce ed i glucometri vincitori della gara. Cosa che avverrà solo al momento del rinnovo del piano terapeutico o in occasione dei controlli programmati, quando il numero dei controlli glicemici già eseguito da ogni glucometro si aggiri sulle 1.500 unità.

print_icon

0 Commenti

Inserisci un commento