SOTTO LA MOLE

Malasindaca contro sosta e movida

Appendino sempre più impegnata a educare il popolo. Una moralizzazione che va dai posteggi selvaggi alle nottate brave, passando per deiezioni canine e barbecue. "Le decisioni vanno prese anche se non creano consenso"

Una giunta “pedagogica”, con tratto neo-maoista, che cerca di contrastare le cattive abitudini dei torinesi. Chiara Appendino al termine della diretta facebook nella quale gli assessori hanno risposto alle domande dei cittadini ascrive alla sua amministrazione il merito di aver intrapreso la lotta contro la “Malasosta” e la “Malamovida”. Due priorità che seppur non siano proprio in cima ai pensieri dei cittadini sono un po’ il biglietto da visita del governo pentastellato. Un'opera di moralizzazione del popolo (di Torino) che passa anche attraverso l'ordinanza contro i barbecue nei parchi e le deiezioni canine.

“Le decisioni vanno prese anche se non creano consenso e quelle che abbiamo preso e prenderemo sono state nell’ottica di risolvere problemi e situazioni che spesso sono rimaste non gestite per anni e si sono incancrenite. Ma siamo consapevoli che la responsabilità è in capo a noi e continueremo ad affrontare i problemi e a dare le risposte che la città si aspetta”, ha affermato la prima cittadina stilando una sorta di breve bilancio del suo primo anno trascorso al piano nobile di Palazzo civico.

“È stato un anno impegnativo - ha aggiunto - e sappiamo che i problemi ci sono stati e continueranno a esserci ma ce l’abbiamo messa tutta e continueremo a farlo per dare le risposte che servono alla città”, insistendo con una significativa excusatio non petita. Appendino ha quindi rivendicato alcune decisioni prese, citando ad esempio la lotta alla “malasosta” delle auto e i provvedimenti per la movida, e questioni che si stanno affrontando come l’ex Moi e il campo nomadi di via Germagnano. “Non abbiamo paura di prendere in mano i dossier più complicati - ha concluso - è per questo che siamo qui. Alcune risposte le abbiamo date e continueremo a lavorare per darle prendendo decisioni nell’interesse del bene della città e dei torinesi”.

print_icon

7 Commenti

  1. avatar-4
    18:31 Mercoledì 12 Luglio 2017 dedocapellano lotta continua ai politici che non vanno bene, di destra,di sinistra,di centro e 5 Stelle

    Vero tutto quello che dice PoveroDumas. Bisogna "battersi" per cambiare chi governa male ma questo non vuol dire dare fiducia a chi ha già governato per decine di anni riducendo la città di Torino sull'orlo del fallimento...... banche, assicurazioni, industrie evaporate----

  2. avatar-4
    09:04 Mercoledì 12 Luglio 2017 PoveroDumas Quanti anni ci vorrebbero

    per mandare qualche vigile a 'dissuadere' la sosta selvaggia almeno di fronte alla casa comunale? E per tagliare l'erba? E per ridursi come da programma lo stipendio? Ma sì, lasciamoli lavorare, o meglio, imparare a lavorare. A spese nostre

  3. avatar-4
    18:48 Martedì 11 Luglio 2017 dedocapellano tempo al tempo......

    "Ormai nessuno, auto pedoni biciclette, rispetta il semaforo rosso ma 1800 vigili sono pochi, bastano appena a tacitare i ragazzi che suonano la pizzica negli anfratti di piazza Castello... Mi spiace ma rispetto a costoro, incapaci anche solo di realizzare le cose più scontate del loro programma, i chiamparini, fassini ecc. sono dei giganti". Ma pensiamo per davvero che sia responsabilità di Appendino anche se i nostri figli sono rimandati/bocciatii a scuola o se esistono persone maleducate che non rispettano la cosa pubblica? Appendino è solo un anno che fa il sindaco di Torino aspettiamo qualche anno per relazionare usi e costumi della gente alla amministrazione comunale! per quanto riguarda le banche ed assicurazioni che hanno lasciato Torino per Milano e per il crollo del prezzo degli immobili invece possiamo responsabilizzare chi ha promosso la delocalizzazione delle banche a Milano e non generando posti di lavoro a Torino a indirettamente fatto abbassare il prezzo degli immobili...... e questi sindaci ("giganti?) le possiamo misurare su di un arco di 20 anni e non di un solo anno!!

  4. avatar-4
    16:39 Martedì 11 Luglio 2017 Diunavolta Tagliare l'erba

    Ho notato che quando la Sindaca posta qualche notizia su Facebook, qualunque sia l'argomento, i cittadini spesso rispondono scrivendole "sì, ma quando taglierete l'erba delle aiuole?" Quello dell'erba sembra un tema di minore importanza o almeno uno come tanti. E invece è uno dei temi più importanti, se non il più importante, che la giunta dovrebbe affrontare. Perchè il cittadino che paga le tasse, che si vede aumentare le tasse, si aspetta dei servizi. Fra questi, i primi attesi sono la sistemazione delle strade, la pulizia, il decoro, e il taglio dell'erba. Prima di fare la giunta "pedagocica" bisognerebbe dimostrare di esserne all'altezza morale. E invece no! Tu cittadino paga le tasse, io Comune non riesco a tagliare l'erba, tu cittadino però devi essere educato e devi smetterla con le tue cattive abitudini. No...ognuno deve fare il proprio dovere!

  5. avatar-4
    15:45 Martedì 11 Luglio 2017 PoveroDumas Parliamo di sosta e movida

    come da tema dell\'articolo? Nessun si preoccupi! Basta passare in via Milano, davanti e intorno alla \'casa\' della giunta per vedere auto ovunque, a qualunque ora. E venditori abusivi (è vero, non di vetro) in via Garibaldi sotto le Sue finestre. E i mezzi pubblici, alla faccia delle statistiche e dei controlli, dove bippano due persone su trenta che salgono. E l\'Assessora taglia GTT, o meglio le linee. E nella città delle bici, bici che sfrecciano ad alta velocità, guidate da una sola mano perché l\'altra tiene il telefono. Ormai nessuno, auto pedoni biciclette, rispetta il semaforo rosso ma 1800 vigili sono pochi, bastano appena a tacitare i ragazzi che suonano la pizzica negli anfratti di piazza Castello... Mi spiace ma rispetto a costoro, incapaci anche solo di realizzare le cose più scontate del loro programma, i chiamparini, fassini ecc. sono dei giganti

  6. avatar-4
    14:47 Martedì 11 Luglio 2017 dedocapellano Chiamparino,Fassino,Appendino...... tre sindaci in continuità con il Sistema Torino!

    Sarebbe interessante avere evidenze analitiche e circonstanziate dell'incredibile vuoto e delle non capacità amministrative e gestionali della amministrazione di Chiara Appendino e soprattutto sapere in che modo la giunta pentastellata abbia potuto superare in fatto di "vuoto pneumatico" e" malapolitica" le amministrazioni Chiamparino e Fassino, proprio quelle amministrazioni che hanno ridotto la Torino economica ad un "vuoto assoluto" ...... c'erano due grandi banche e due grandi assicurazioni ed oggi grazie al duo Chiamparino-Fassino sono state delocalizzate a Milano a beneficio solo del traffico dei treni ad alta velocità per trasportare i torinesi al lavoro a Milano per poi riportarli a Torino la sera per andare a dormire........Il difetto più grande di Chiara Appendino è di essere in continuità con i due sindaci che l'hanno preceduta tradendo quindi chi l'ha votata per favorire un reale cambiamento!!

  7. avatar-4
    13:54 Martedì 11 Luglio 2017 Paladino Ottima analisi

    è un'ottima analisi di come con le minutaglie Appendino & C cercano di riempire un vuoto incredibile di incapacità amministrativa e gestionale. La loro testarda e sorda convinzione li porterà alla rovina prima di quanto loro pensino. Piazza S, Carlo è stato un primo sostanzioso aperitivo...

Inserisci un commento