PALAZZO CIVICO

Pd e M5s “paralizzano Torino”

J’accuse di Napoli (Forza Italia): le loro ambiguità penalizzano la città. Il partito democratico non ha ancora deciso che tipo di opposizione fare, i grillini si trastullano e perdono occasioni. “Siamo vicini allo sfascio”

«È singolare il modo scelto dal Pd di augurare buon Ferragosto ai torinesi tappezzando la città di manifesti contro i ritardi della giunta Appendino sulla linea 2. Non meno singolari sono gli auguri del M5s, con il sindaco che apre alla collaborazione istituzionale e il movimento che ribadisce il “no” alla linea 2 considerata dal presidente della Commissione Trasporti un’opera “inutile”». Forza Italia denuncia, per bocca di Osvaldo Napoli, il rischio della paralisi amministrativa «per una città che avrebbe un disperato bisogno di agganciare tutte le occasioni per salire sul treno dello sviluppo e della ripresa». Invece, afferma l’esponente azzurro della Sala Rossa «ci troviamo, a un anno dalle elezioni, con una giunta pentastellata che si trastulla sul da farsi quando è scaduto il termine per avere i 10 milioni per la progettazione della linea 2». Non meno grave il comportamento della principale forza di opposizione: «Il Pd si ritrova diviso al suo interno sul tipo di opposizione da svolgere: caricare a testa bassa, tutti i giorni e su ogni questione, oppure aprirsi a forme di collaborazione istituzionale per salvaguardare gli interessi di Torino?».

Un braccio di ferro che però mostra in entrambi i duellanti notevole ambiguità. «Il Pd è partito di lotta in città, e di governo a Roma – annota Napoli –. A Torino boccia la richiesta dei 61 milioni che mancano al bilancio a causa della riforma Ici e Imu, a Roma il premier si dice disponibile a discuterne. Stessa trama sulla vicenda di Piazza San Carlo – prosegue –. Dopo che Forza Italia ha sostenuto, in splendida solitudine, l’inutilità di una commissione d’inchiesta, oggi anche una parte del Pd fa marcia indietro e ritiene un errore averla voluta. Il sindaco Appendino accoglie la richiesta di Forza Italia e di una parte del Pd per aprire un tavolo istituzionale sulla seconda linea della metro, e dentro il suo stesso partito si alzano gli scudi. Il passaggio dalla stagione del “sistema Torino” a un’altra stagione di “sfascio Torino” può essere molto più rapido di quanto si immagini».

Forza Italia, conclude l’ex onorevole, «ha scelto fin dal primo giorno della giunta Appendino di svolgere un'opposizione responsabile, animata soltanto da uno “spirito repubblicano”, il solo che ci consente di valutare gli atti del sindaco e della giunta senza pregiudiziali ideologiche per guardare solo all'utilità o alla dannosità delle decisioni prese. Per questo possiamo oggi levare la voce e richiamare M5s e Pd al senso di responsabilità istituzionale in nome degli interessi della città. Essi devono venire prima degli interessi di partito».

print_icon

3 Commenti

  1. avatar-4
    12:23 Mercoledì 09 Agosto 2017 PassatorCortese Viale sei fuori strada

    Presidente del Consiglio Comunale

  2. avatar-4
    17:26 Martedì 08 Agosto 2017 silvioviale VICESINDACO

    Napoli vuol fare il vicesindaco al posto di Montanari e ammicca all'Appendino.

  3. avatar-4
    17:16 Martedì 08 Agosto 2017 rubatà da che pulpito ...

    blocca i soldi x torino con il suo compagno di merende, tremonti, firma per la commissione di indagine di piazza san carlo, per poi dire che è inutile, ha bloccato la città con il suo amico silviuccio, la cultura non da da mangiare. adesso è colpa degli altri. restituisci tutti i lauti stipendi che ti abbiamo dato scansafatiche che non sei altro.

Inserisci un commento