POLEMICA

“Appendino è una Boldrini grillina”  

Il leader della Lega Salvini a testa bassa contro la prima cittadina di Torino e la sua riforma per un linguaggio politically correct. "Pensa di risolvere i problemi dei cittadini cambiando il vocabolario" - VIDEO

“Con tutti i problemi che ha Torino questi pensano al vocabolario”. Matteo Salvini critica così la delibera approvata dalla giunta Appendino che introduce un linguaggio politically correct negli atti dell’amministrazione eliminando le possibili forme di discriminazione di genere. In un video pubblicato sulla sua pagina facebook, il leader della Lega Nord attacca a testa bassa la prima cittadina di Torino definendola una “Boldrini grillina”.

Il provvedimento, appena varato dalla giunta pentastellata, prevede che d’ora in poi ogni atto dell’amministrazione comunale tenga conto delle differenze di genere: “Il sindaco di Torino, Cinquestelle, ha emanato una direttiva che cambia alcuni nomi. Quindi bisogna parlare di sindaca, assessora, avvocata – prosegue Salvini che poi lancia l’affondo –. Ma io mi domando, con tutti i problemi che ha una metropoli come Torino, il sindaco di che cosa si preoccupa? Di emanare il nuovo vocabolario che viene utilizzato negli uffici pubblici torinesi. Signora Appendino o Appendina, ma veramente lei pensa che l’abbiano eletta per questo? Non per portare un po' di sicurezza, di legalità, di decoro, di pulizia, di ordine in quel di Torino? Sarà contenta la Boldrini che è una sua battaglia storica”. “Non penso – dice ancora Salvini – che le donne aspettino a tutela dei loro diritti la “a” alla fine del sostantivo o dell'aggettivo. Penso che gradirebbero essere tutelate, poter prendere i mezzi pubblici senza ansia, avere la possibilità di portare i figli a scuola senza perdere il lavoro, avere gli asili gratis, andare in pensione prima di 66 anni”. Insomma, dopo il sostegno garantito un anno e mezzo fa, prima del ballottaggio contro Piero Fassino, il numero uno del Carroccio sembra non apprezzare particolarmente le politiche dell'amministrazione pentastellata.

Arriva subito la replica della prima cittadina secondo la quale queste affermazioni dimostrano che “Torino e Pontida distano 182 km sulla cartina ma 1000 anni luce sui Diritti Civili”. Appendino difende il suo provvedimento che “se volete è un po’ scomodo ma serve per dare un segnale”. 

print_icon

6 Commenti

  1. avatar-4
    17:25 Giovedì 14 Settembre 2017 silvioviale ANATOMIA DEGENERE

    L'utero è maschile. Le palle sono femminile. La rotula è femminile. Il ginocchio è maschile. Il braccio è maschile, ma le braccia è femminile. Così anche il labbro è maschile, ma le labbra sono femminile. Indipendentemente dalla funzione.

  2. avatar-4
    09:41 Giovedì 14 Settembre 2017 mork evoluzione uterina

    manifesto la dolcezza della mia parte femminile, dicendo che nessunA di loro(a) ha mai pensato di chiamare 'utera' l'utero, come il clitoride è diventato 'la' clitoride. Eppure è una cosa che si sarebbe dovuta pensare da 40 anni. Il fatto che sia io, un uomo, a rilevarlo mi fa riflettere sulla complementarietà psicologica del genere. Constato che in fondo gli uomini servono a qualcosa.

  3. avatar-4
    08:57 Giovedì 14 Settembre 2017 finis_italiae Arriva la neolingua...non ci resta che piangere!!!!

    A quando una delibera per l\'elettricisto (se uomo), il dentisto, l\'otorinolaringoiatro, il commercialisto. Il prossimo passo: una delibera per l\'abolizione del congiuntivo?

  4. avatar-4
    07:53 Giovedì 14 Settembre 2017 silvioviale Ostetrica, Ostetrico e LinguaggioDiGenere

    Per un contributo al tema faccio notare come per Ostetrica si intenda la professione infermieristica, la vecchia Levatrice, e per Ostetrico il medico. Peraltro se ci sono Dottore e Dottoressa, Medico vale per entrambi e Medica non si dice. Forse un giorno il linguaggio seguirà la realtà. Anche perché oggi le donne sono la maggioranza dei Medici Ostetrici, mentre un certo numero di Ostetriche sono maschi. Come questo evolverà nel linguaggio non lo so ... ma l'evoluzione della realtà impone di individuare bene il nome della Funzione e il nome della Persona. Faccio notare che in italiano persona e funzione sono di genere femminile. Sindachessa è la moglie del sindaco e Mefichessa e canzonatorio.

  5. avatar-4
    01:13 Giovedì 14 Settembre 2017 moschettiere Sveglia!!

    Mi auguro che le ultime (penose) uscite del sindaco Appendina siano - come dice lei stessa - veramente un segnale ...ma per far svegliare i torinesi, ed in particolare quelli che furono elettori 5S. Incapaci, inadeguati, pericolosi per le loro incredibili carenze, ma solidissimi nel campo dei falsi problemi e delle stupidaggini. Dai fasciatoi pubblici alla femminilizzazione dei sostantivi. A proposito, dato che sono l'autore dell'aggettivo sostantivato "Chiappendino" (modestia a parte, è così), e mi fa piacere il suo successo evidenziato dal suo utilizzo e diffusione, nel rispetto della volontà del sindaco, da oggi affianco il "Chiappendina", essere bicefalo dal sesso incerto, ma sicuramente politicamente corretto!

  6. avatar-4
    21:58 Mercoledì 13 Settembre 2017 Paladino Solito

    Si utilizzano armi di "Distrazione" di massa, per non far pensare a piazza San Carlo ci si occupa di sciocchezze....

Inserisci un commento