CATALOGNA NOSTRANA

2018 fuga dal Piemonte

Il Vco alla Lombardia: lo chiedono i “fittiani”. Anche a Novara torna la tentazione di lasciare una regione “troppo Torinocentrica”. Pichetto (Forza Italia): “Territori trascurati, ma altre sono le priorità. Pericoloso giocare con l'indipendentismo”

“Diamoci un taglio, firma la petizione. Chiediamo il referendum!”. Con questo slogan parte la campagna referendaria per chiedere il passaggio del Vco e della provincia di Novara alla Lombardia. A lanciare l’iniziativa sono gli esponenti locali di Direzione Italia, la formazione di centrodestra nata da una costola di Forza Italia che ha come leader l’ex ministro e presidente della Puglia Raffaele Fitto. “La nostra istanza è rivolta nell’interesse di tutti i cittadini – spiega ha l’ex senatore Valter Zanetta – e vuole risvegliare un sentimento che cova ormai da qualche tempo negli abitanti del nostro territorio, vuoi per ragioni storiche o per il fatto di essere più vicini al capoluogo lombardo piuttosto che a quello piemontese. Tutto ciò va  in qualche misura testato sulla volontà popolare, in sinergia con l’iniziativa della Lega Nord, che richiede l’autonomia di tutto il Piemonte. Noi siamo molto vicini per un mucchio di cose con Milano, basti pensare ai giovani che studiano nelle scuole o chi si va a curare lì dove c’è una sanità molto più efficiente”. E, per dare forza all'iniziativa domani il comutato promotore incontrerà il governatore della Lombardia Roberto Maroni.

La “fuga” da una regione considerata troppo “Torinocentrica” è vagheggiata da tempo anche in provincia di Novara. Il primo a formulare l’ipotesi di una secessione è stato nel 2012 Diego Sozzani, all’epoca presidente di Palazzo Natta, oggi consigliere regionale berlusconiano, idea rilanciata nei giorni scorsi sempre dai fittiani in un incontro a Domodossola ha incontrato scarso entusiasmo da parte degli esponenti del Carroccio: il sindaco Alessandro Canelli e l’ex presidente della Regione Roberto Cota, pur evidenziando i problemi dovuti alla storica “disattenzione” non giudicano “realisticamente praticabile” il distacco. Soluzione decisamente osteggiata anche dal presidente di Confindustria Piemonte, il novarese Fabio Ravanelli.

Decisamente contrario a “spacchettare il Piemonte” è il coordinatore regionale e capogruppo a Palazzo Lascaris di Forza Italia Gilberto Pichetto: “Credo che il Piemonte orientale abbia altre priorità”. Spiega l’esponente azzurro: “È evidente che anche il Vco è un territorio trascurato dalla giunta regionale, provinciale e comunale del centrosinistra ed è quindi indispensabile che provenga dal basso una proposta politica e progettuale forte per una provincia che ha da sempre costituito un tassello fondamentale per lo sviluppo e la crescita della nostra Regione. Non può passare però il metodo che ad ogni problema si risponda con l’idea di promuovere l’indipendenza o l’esodo verso altre regioni. Prima di tutto perché questi passaggi sono complicati e costosi per le famiglie e le imprese, secondariamente perché incoerenti con quella richiesta di maggiore autonomia che in verità sta alla loro base”. La strada per Pichetto è conquistare “una maggiore autonomia fiscale, nel rispetto del principio di sussidiarietà e di federalismo solidale che da sempre è un punto fermo del nostro programma”. Infine una stoccata agli alleati fittiani: “Trovo pericoloso lanciare ai cittadini messaggi d’indipendentismo che rischiano solo di creare false illusioni, senza che questi ne beneficino in alcun modo”.

print_icon

3 Commenti

  1. avatar-4
    18:55 Domenica 15 Ottobre 2017 Desiree magari

    Onestamente... perché rimanere in Piemonte !! per ogni cosa il nostro punto di riferimento è sempre Milano .. a volte mi dimentico anche dell'esistenza di Torino !!

  2. avatar-4
    10:28 Venerdì 13 Ottobre 2017 rubatà "Naturalis historia"

    se si vuol far funzionare il neurone bisogna avere del sale in zucca. dubito che un leghista abbia, se non una strada, almeno un viottolo del sale. pessimo modo di depistare dopo che hanno calato la mutanda (verde) davanti al renzie. comunque sempre inutili alla società civile.

  3. avatar-4
    22:33 Giovedì 12 Ottobre 2017 tandem Prova certa

    Quando una proposta proviene o è approvata da Cota, è scientificamente provato e certo che è una totale cazzata.

Inserisci un commento