CATAROGNA

Maroni pronto a papparsi il Vco

I delegati della provincia piemontese hanno tastato il terreno in vista della petizione che auspica il passaggio alla Lombardia. Intanto parte la raccolta firme per indire il referendum

Roberto Maroni spalanca le porte della Lombardia al Vco. Non avrebbe frapposto ostacoli il governatore lombardo all’ipotesi di un possibile passaggio della provincia piemontese. Lo si apprende al termine dell’incontro odierno tra la delegazione del Vco composta dal presidente Stefano Costa e dai consiglieri Giovanni Morandi, Rino Porini e Luigi Spadone. Nel corso del colloquio pare sia stato confrontato il rapporto del governo regionale lombardo verso la provincia montana di Sondrio, che a differenza di quello lamentato dal Vco da parte di Torino godrebbe di grandi attenzioni e risorse.

Il clima, a detta della delegazione piemontese, è stato “cordiale” e sono stati trattati diversi temi di comune interesse amministrativo quali il referendum propositivo del prossimo 22 ottobre che mira ad acquisire maggior autonomia in termini di funzioni e di risorse, la questione della Macroregione Alpina e della Regio Insubrica, i problemi del frontalierato. Il consigliere Spadone si ritiene “soddisfatto per la calda accoglienza circa il passaggio del Vco alla Lombardia che il presidente Maroni vede positivo e giustificato da tematiche comuni quali la vicinanza con la Svizzera e la condivisione territoriale del Lago Maggiore”.

print_icon

1 Commenti

  1. avatar-4
    23:06 Domenica 15 Ottobre 2017 moschettiere Domanda

    Mi chiedo: perché non si può dire che tutto il discorso dello scorporo VCO è solo fantapolitica? Per di più fantapolitica con l'odore di essere confezionata solo per creare diversivi. Sono ben altri i (gravi) problemi delle nostre regioni, e queste presunte manovre e riforme - a conti fatti - quanto gioverebbero?

Inserisci un commento