Blackout

Dicono che… nel sottobosco politico, mentre tutti si affannano, in particolare le formazioni bonsai dei vari schieramenti, a stringere alleanze utili a superare la soglia di sbarramento e mandare qualche loro rappresentante in Parlamento, i “parisiani” di “Energie per l’Italia siano spariti dai vari tavoli. A livello nazionale, dopo gli iniziali abboccamenti con Niccolò Ghedini, pare abbiano rifiutato l’offerta di entrare nella quarta gamba a cui sta lavorando l’ex ministro Enrico Costa. A livello piemontese, fatti salvi i buoni rapporti tra il coordinatore di Forza Italia Gilberto Pichetto, e Alessandro Cherio, i seguaci  del movimento fondato da Stefano Parisi, sembrano scomparsi dalla scena politica.

print_icon