GRANDI OPERE

Parco della Salute, firmato l’accordo

Quattro poli funzionali connessi tra loro: salute, ricerca, didattica e foresteria. Ora tutto è pronto per il dialogo competitivo. Poi bisognerà trovare i finanziamenti

È stato sottoscritto questa mattina l’accordo di programma promosso dalla Regione Piemonte, con la Città di Torino, l'Università, l’azienda ospedaliera Città della Salute e la Società FS Sistemi Urbani, per la realizzazione del Parco della Salute, della Ricerca e dell’Innovazione di Torino e per la rifunzionalizzazione dei presidi ospedalieri Molinette, Sant’Anna e Regina Margherita, di futura dismissione. L’obiettivo del progetto è quello di concentrare in una nuova struttura le attività ad alta complessità fornite dalla Città della Salute e riorganizzare la rete ospedaliera esistente per garantire la gestione ottimale delle attività a media complessità, che saranno riallocate nell’attuale struttura dell’ospedale Cto assicurando piena risposta ai bisogni di salute della zona Torino sud.

“L’accordo consente di ridefinire le destinazioni urbanistiche dei vari Poli del Parco e dà una prima indicazione per la riqualificazione degli ospedali dismessi. Si tratta di uno degli investimenti più importanti che la Regione si appresta a portare alla fase operativa insieme alla Città della Salute di Novara e che avrà una valenza decisiva per il rilancio del sistema sanitario piemontese. Recuperiamo così anni e anni trascorsi senza che nulla si muovesse per realizzare un progetto che è nell’interesse di tutti gli attori coinvolti”, ha dichiarato il presidente della Regione Sergio Chiamparino. “E’ stato compiuto un buon lavoro, che ha permesso di superare le difficoltà iniziali. Procederemo ora con la ratifica del Consiglio comunale e con la variante urbanistica. Il Parco farà da traino nei confronti del rilancio di una zona della città che sta vivendo momenti di difficoltà”, ha detto la sindaca di Torino, Chiara Appendino.

L’intervento si inserisce nel processo di riorganizzazione e razionalizzazione delle attività di assistenza sanitaria che si sta realizzando a livello nazionale ed europeo e prevede la costituzione di un sistema unitario di attività volte alla cura, alla ricerca, alla formazione ed ai servizi alle persone con ruolo, competenze e dimensioni tali da porsi quali interlocutore a livello internazionale del processo di innovazione in campo clinico, organizzativo, gestionale e della ricerca. Accanto all’importanza che riveste sotto il profilo sanitario, il progetto rappresenta dunque una significativa opportunità di sviluppo dell’intero sistema economico-sociale e occasione di riordino e riqualificazione urbanistica-funzionale di un’estesa porzione dell’area sud della città.

Il nuovo Parco della Salute della Ricerca e dell’Innovazione è parte del più ampio progetto di trasformazione dell’ambito Oval (ex-Avio), localizzato alle spalle del complesso del Lingotto e sul quale è in corso di ultimazione la realizzazione della nuova sede unica della Regione Piemonte. L’area si estende su di una superficie territoriale di circa 313.000 mq ed è caratterizzata da un elevato grado di accessibilità da tutto il territorio sovraregionale, regionale e metropolitano sia con i mezzi privati sia con i mezzi pubblici. Per il nuovo Parco si prevede l’edificazione di complessiva di 176.000 mq di slp articolati in quattro poli funzionali strettamente interconnessi: Polo della sanità e della formazione clinica (127.000 mq); Polo della ricerca (10.000 mq); Polo della didattica (31.000 mq); Polo della residenzialità o foresteria (8.000 mq).

print_icon

3 Commenti

  1. avatar-4
    10:39 Giovedì 16 Novembre 2017 Damos Gli Ospedali si costruiscono con i soldi ...

    Bello il grafico, bello il plastico, bella la foto dei firmatari sorridenti, ma la domanda retorica è sempre la stessa : ed i soldi dove sono ? .... Tra vent'anni scommetto che vedremo altri grafici, altri plastici e spero altri firmatari , ma andremo ancora alle gloriose Molinette, se avremo bisogno ...

  2. avatar-4
    08:48 Giovedì 16 Novembre 2017 Pacioc mah....

    ...e i soldi? mi sa che siano, ancora una volta, davanti all'ennesimo bla, bla, bla, bla,,,,E' incredibile come la politica sia convinta ancora che la gente creda a questi modi di porsi. Finitela di fare dichiarazioni roboanti su questa materia, non ne possiamo più! Magari in silenzio, fate, se ne siete capaci. Ve ne saremo molto grati.

  3. avatar-4
    19:19 Mercoledì 15 Novembre 2017 tandem Il libro dei sogni.....

    E così è stata scritta un'altra pagina di quel libro del sogni che va avanti da quasi 20 anni che si chiama città della salute..... Sempre oscuro il momento in cui si vedrà qualcosa di concreto.

Inserisci un commento