FIORI D'ARANCIO

Vendola “sposo” a Rivalta

Unione civile tra l’ex governatore della Puglia e il compagno Eddy Testa. A officiare la cerimonia (in forma riservatissima) il sindaco De Ruggiero, suo luogotenente in Piemonte ai tempi di Sel

Ha scelto il Comune guidato da uno dei suoi più fedeli seguaci ai tempi di Sel Nichi Vendola per celebrare la propria unione civile con il compagno canadese Eddy Testa. La cerimonia, tenuta sabato scorso in forma riservatissima, con una decina di amici, alla presenza del figlio Tobia di un anno (concepito in California con la tecnica della maternità surrogata da una donatrice), è stata celebrata a Rivalta di Torino, centro nell'hinterland a Ovest del capoluogo, dal sindaco Nicola De Ruggiero, già assessore all’Ambiente della giunta regionale di Mercedes Bresso, ma soprattutto segretario piemontese di Sinistra ecologia e libertà, il partito fondato proprio da Vendola, prima che si sciogliesse nella neonata Sinistra Italiana.

Vendola, con un passato nell'organizzazione giovanile del Partito Comunista, si dichiarò omosessuale nel 1978 e negli anni Ottanta fu tra i promotori e fondatori dell’associazione Arcigay e della Lega italiana per la lotta contro l’Aids. È stato tra i massimi dirigenti di Rifondazione Comunista al fianco di Fausto Bertinotti prima di fondare, nel 2009, Sinistra e Libertà, partito che poi mutò il suo nome in Sinistra Ecologia e Libertà.  Convive con Testa dal 2004. Dal 2015, dopo dieci anni alla guida della Regione Puglia, non ha incarichi politici e si dedica alla propria vita privata limitando le sue uscite pubbliche.

print_icon

4 Commenti

  1. avatar-4
    22:01 Mercoledì 29 Novembre 2017 moschettiere Strappo alla regola

    In genere non parlo alle pattumiere. Ma questa volta l'occasione è troppo simpatica e merita un'eccezione. Lo annuncio pubblicamente e con tutta la simpatia necessaria: sono onorato, anzi onoratissimo di far pena alle pattumiere! Di ogni sorta e foggia che siano. Fine del comunicato. ...e vissero felici e contenti.

  2. avatar-4
    14:39 Mercoledì 29 Novembre 2017 neofita povero moschettiere

    perbacco moschettiere, ma chi sei? Nosferatu? Forse chi merita tutta la nostra pena sei proprio tu

  3. avatar-4
    04:03 Mercoledì 29 Novembre 2017 Paladino Sinceramente

    Sinceramente ma chi se ne frega delle questioni familiari di uno dei tanti inutili personaggi della ormail lilipuziana caotica estrema sinistra italiana....

  4. avatar-4
    23:44 Martedì 28 Novembre 2017 moschettiere Povero Tobia

    Lui si, piccino, merita tutta la nostra pena. Per la schiera di aspiranti Jekyll, "madre" compresa e i due (come definirli?) ogni commento e soprattutto giudizio è bene evitare: avranno ciò che spetta loro a tempo e debito. Basta e avanza.

Inserisci un commento