SANITA'

“Oftalmico da salvaguardare”, la benedizione del vescovo

Nel giorno della festa di Santa Lucia, protettrice della vista, mons. Nosiglia chiede “maggiore considerazione” per il nosocomio torinese destinato ad essere trasformato in ospedale di comunità: “Professionalità da valorizzare”

Non chiudete gli occhi sull’Oftalmico. “Mi auguro che il patrimonio di qualità, professionalità ed esperienza acquisita sia adeguatamente valorizzato perché merita la più ampia considerazione”. A perorare la causa dell’ospedale monospecialistico torinese è l’arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia, nell’omelia per la festa di Santa Lucia, patrona del nosocomio e protettrice della vista. La creazione della nuova rete oculistica per la Città di Torino prevede invece la trasformazione dell’Oftalmico in ospedale di comunità e il trasferimento graduale dei servizi presso le Molinette.

“Le mie considerazioni - aggiunge Nosiglia - hanno a fondamento la motivazione che dovrebbe orientare sempre il fine di ogni ospedale: l’amore per ogni ammalato e bisognoso sia di cure di qualità sia di sentirsi preso a cuore”. Per l’arcivescovo “ogni altro criterio di valutazione, che riguarda gli aspetti economici e finanziari o di funzionalità gestionale, pure importanti, deve passare in secondo piano e mai prevalere”. All’Oftalmico, precisa ancora Nosiglia puntando il dito contro “un mondo dove contano di più i bilanci o il profitto che le persone”, “tanti pazienti hanno trovato le cure specialistiche e il personale qualificato per affrontare e risolvere i loro problemi, in un clima di umanità e accoglienza personalizzata di cui ogni malato ha sempre bisogno”.

print_icon

2 Commenti

  1. avatar-4
    17:37 Mercoledì 13 Dicembre 2017 tandem Sacri Provvedimenti

    E allora Nosiglia provveda a inviare in regione un esorcista che scacci il Demonio dei tagli inutili e dannosi da Saitta. Vade retro liquidator!

  2. avatar-4
    17:05 Mercoledì 13 Dicembre 2017 Paladino Complimenti

    Complimenti a Saitta e Alberti, con il balletto per la chiusura dell' Oftalmico hanno scontentato veramente tutti, anche la Chiesa. Un record difficile da battere

Inserisci un commento