NERI & ROSSI

Fascisti e antifascisti in piazza

Nessun divieto alle manifestazioni promosse domani a Torino per la giornata di ricordo delle foibe. Alle Vallette sfileranno Forza Nuova, CasaPound e collettivi di sinistra

Nessun divieto per le manifestazioni in programma domani nella stessa zona di Torino in occasione della giornata di ricordo delle foibe. Hanno convocato dei cortei (in orari diversi) Forza Nuova, Casapound e un comitato di autonomi antifascisti. Ieri l’Anpi aveva chiesto uno stop in una lettera indirizzata alla sindaca, Chiara Appendino, al prefetto, Renato Saccone, e al questore, Francesco Messina. Il Comune si era detto in sintonia con le posizioni dell’associazione. “Questa amministrazione - si legge in una nota - ha sempre condannato ogni forma di fascismo e prevaricazione. Pur non avendo specifiche competenze in merito, dato che si tratta di un corteo, esprimiamo solidarietà e vicinanza alla posizione espressa nella lettera dell’Associazione nazionale partigiani d’Italia”.

La decisione è stata spiegata dallo stesso prefetto a margine della cerimonia che si è tenuta nell’aula del consiglio comunale: “L’autorità di pubblica sicurezza può comprimere il diritto costituzionale a manifestare pubblicamente solo per gravi motivi di ordine pubblico, che al momento non sussistono. Vigileremo e denunceremo qualsiasi atto o comportamento che sia posto in violazione della legge contro il fascismo e il razzismo”.

I raduni sono in programma domani pomeriggio nell’area di corso Cincinnato, nel quartiere Vallette, dove è affissa una lapide commemorativa dell’esilio di istriani, giuliani e dalmati che ieri è stata oggetto di un atto di vandalismo. Il marciapiede prospiciente è stato imbrattato da una scritta vergata con vernice rossa: “In Istria i fascisti stuprano”.

print_icon

1 Commenti

  1. avatar-4
    14:27 Venerdì 09 Febbraio 2018 rubatà ma ....

    “Questa amministrazione - si legge in una nota - ha sempre condannato ogni forma di fascismo e prevaricazione..........................., esprimiamo solidarietà e vicinanza alla posizione espressa nella lettera dell’Associazione nazionale partigiani d’Italia”. ma .....questi sono nostri elettori e come è risaputo, noi pur di vincere.... accettiamo, anche se li condanniamo, che ritornino i campi di concentramento!!!!

Inserisci un commento