CADUTA DI (5) STELLE

Inizia la fuga dai Cinquestelle Pinerolo, assessore prende il largo

A Torino due consiglieri di circoscrizione lasciano il gruppo e si mettono in proprio. La giunta grillina di Salvai perde il titolare dell’Ambiente: preferisce andare in vela piuttosto che proseguire l’impegno amministrativo

Due consiglieri di circoscrizione a Torino, un assessore a Pinerolo. A giorni potrebbero esserci “novità” clamorose pure in Sala Rossa. Insomma, dopo l’addio della consigliera regionale Stefania Batzella, pare iniziata la “grande fuga” dal Movimento 5 stelle. Defezioni che alla vigilia dell’appuntamento elettorale certo non giovano all’immagine dei Cinquestelle e alle ambizioni di governo del suo aspirante premier Luigi Di Maio.

La giunta comunale di Pinerolo, guidata dal grillino Luca Salvai, ha perso un assessore: nella giornata di ieri si è dimesso Antonio Spinelli, che aveva la delega all’Ambiente. Alla base della decisione ci sarebbe l’opportunità “di realizzare un sogno, un impegno all’estero”, come si è giustificato l’ormai ex assessore, chiamato in giunta solo pochi mesi fa (a settembre dello scorso anno) dopo essersi occupato della comunicazione social del sindaco. Una scelta su cui, secondo rumors, avrebbero pesato alcuni dissidi con il gruppo pentastellato, versione però smentita da Spinelli. Di certo, non è stato un divorzio consensuale. Salvai non ha affatto gradito, come si evince dal comunicato in cui allo “stupore” per le inaspettate dimissioni si aggiunge una neppure troppo velata critica circa le ragioni, piuttosto oscure, e giudizi sul “comportamento ambiguo” che Salvai avrebbe tenuto nelle ultime settimane. “Nonostante i tentativi di comprendere le motivazioni di questa scelta e di guidarla – si legge nella nota –, ancora adesso tali motivazioni non ci sono chiare: il comportamento del sig. Antonio Spinelli nelle ultime settimane è stato ambiguo,  inoltre l’amministrazione non è stata messa al corrente di incontri, né di eventuali accordi presi con terzi dall’ex Assessore, che pertanto verranno ritenuti privi di alcun valore politico”. All’ex assessore appassionato di vela, conclude sarcastico il sindaco, “auguriamo una buona Coppa America, noi resteremo qui nelle nostre belle montagne”.

A tagliare la corda dal Movimento 5 stelle erano stati sempre ieri due consiglieri della Circoscrizione 4 di Torino: Luca Dellavalle e Margherita Alasia, che hanno lasciato la formazione grillina passando al gruppo misto. Dimissioni che il gruppo consiliare in circoscrizione “accoglie con serenità” affidando però al capogruppo Stefano Leone una riflessione più articolata che trova d’accordo anche il presidente del consiglio comunale Fabio Versaci, fido scudiere di Chiara Appendino, secondo cui “è legittimo cambiare idea ma se la cambi ti dimetti non passi a un altro gruppo”. Anche in questo caso parole parecchio rancorose. “Dopo oltre un anno e mezzo di silente presenza in aula - osserva Leone - apprendo che i consiglieri Dellavalle e Alasia hanno firmato un documento destinato ad avere gli inutili strascichi polemici che accompagnano ogni campagna elettorale. Essere parte del M5s ha sempre voluto dire adempiere in pieno al ruolo di cinghia di trasmissione tra cittadini ed istituzioni. Non è evidentemente il caso dei due consiglieri - attacca - che, sollecitati ad un maggiore impegno, hanno preferito abbandonare il nostro gruppo consiliare. Ci aspettiamo - conclude - per rispetto nei confronti dei cittadini che avevano espresso la loro preferenza elettorale per il M5s, le pronte dimissioni dei due consiglieri anziché il passaggio al gruppo misto”.

print_icon

1 Commenti

  1. avatar-4
    12:33 Sabato 10 Febbraio 2018 tandem Normale

    Eventi normali in una accozzaglia senza ideologia travestita da partito....

Inserisci un commento