Torino: scontro tra Comune e Circoscrizioni su parere bilancio

La conferenza dei presidenti di Circoscrizione ha detto no alla richiesta della Città di Torino di abbreviare il parere al bilancio comunale per poterlo mandare in aula per l'approvazione, come prevede la legge, entro il 31 marzo. "Le Circoscrizioni - spiegano i presidenti che oggi hanno incontrato l'assessore al Bilancio, Sergio Rolando, e il presidente del Consiglio comunale, Fabio Versaci - hanno 30 giorni di tempo per dare il parere ma visto che la parte che ci riguarda, con il taglio di 400 mila euro, ci era stata comunicata a cose fatte il 7 marzo, i termini scadono il 7 aprile". Per questo il Comune ha chiesto l'abbreviazione del parere, ricevendo un diniego. "Sono mesi che non ci considerano - sottolineano i presidenti della 4 e della 8, Claudio Cerrato e Davide Ricca - e la sindaca non ha rispettato quanto previsto dal regolamento, ossia incontrarci per definire risorse economiche e di personale. Quindi abbiamo detto no e scriveremo al prefetto e al segretario generale del Comune evidenziando le mancanze rispetto al regolamento e allo Statuto. Chiediamo a loro la scadenza entro cui dobbiamo esprimere un parere". "Il senso di responsabilità istituzionale - dice la presidente della 6 Carlotta Salerno - non può essere a corrente alterata e a senso unico".

print_icon