Export Piemonte cresce (+7,7%), primo mercato Francia

Nel 2017 il valore delle esportazioni piemontesi si è attestato a 47,9 miliardi di euro, il 7,7% in più del 2016, mentre le importazioni hanno registrato un incremento del 7,5% con un valore pari a 33,2 miliardi di euro. Il saldo della bilancia commerciale, 14,7 miliardi di euro, permane, quindi, di segno positivo, in aumento rispetto all'anno precedente (13,8 miliardi). "Il risultato è superiore rispetto a quello medio nazionale e, tra le principiali regioni esportatrici, il Piemonte è quella che ha realizzato nel 2017 la performance migliore. Non possiamo che essere orgogliosi delle nostre imprese. Dobbiamo puntare sulle nostre professionalità, supportando le aziende nei processi di crescita e innovazione", commenta Ferruccio Dardanello, presidente Unioncamere Piemonte. Il trend positivo dell'export ha coinvolto tutti i principali comparti ed è stato trainato dai buoni risultati in Francia (+9,3%), primo mercato per le vendite all'estero della regione. Le esportazioni di mezzi di trasporto (primo settore per le vendite oltre confine) sono aumentate del 3,7% rispetto al 2016, grazie agli autoveicoli (+4,3%) e alla componentistica auto (+6,9%). Ottimo il risultato del ferrotranviario (+22,2%), negativo il trend degli aeromobili (-14,4%). Al secondo posto le vendite all'estero della meccanica (+9,9%), con una quota del 19% del totale piemontese. Bene anche le vendite all'estero di prodotti alimentari (+10,9%) e di metalli (+9,7%), mentre il tessile-abbigliamento ha segnato un incremento del 4,1%. Le vendite nei Paesi extra-Ue 28 hanno registrato un aumento dell'8,3% rispetto al 2016, grazie a Cina (+36,8%), Svizzera (+9,3%) e Usa (+3,4%).

print_icon