Scuola e Fp, domani 150 mila lavoratori eleggono Rsu

Circa 100 mila lavoratori piemontesi del pubblico impiego (Sanità, Enti locali e Funzioni centrali) e 50 mila di Scuola, Università e Enti di ricerca eleggeranno da domani a giovedì le nuove Rsu (Rappresentanze sindacali unitarie). La Cisl Funzione Pubblica Piemonte - che conta 13 mila iscritti a livello regionale tra i dipendenti della Sanità, degli Enti Locali, delle Funzioni Centrali (Ministeri, Agenzie Fiscali, Enti Pubblici non Economici) - schiera 1.900 candidati in 650 liste. "Le nostre competenze, che possono e devono essere usate meglio, sono il più grande capitale del settore pubblico e del Paese, per questa ragione devono essere riconosciute. Il settore pubblico conta 580 profili professionali, ma gli ordinamenti sono obsoleti e non rispecchiano più le competenze e l'organizzazione del lavoro. Servono più giovani, più donne e più turn-over". Con lo slogan Lascia il segno, vota #Cisl, la Cisl Scuola-Università-Ricerca (Fsur), con i suoi quasi 19 mila iscritti in Piemonte, si presenta all'appuntamento elettorale con 1.300 candidati in 550 liste. "La firma dei contratti nella scuola, dopo nove anni di blocco - sottolinea la segretaria regionale della Cisl Scuola, Maria Grazia Penna - è stata certamente una svolta positiva per tutti i lavoratori del comparto. La scuola ha bisogno anche di risposte certe per i tanti precari. Sulla scena italiana si sta affacciando una nuova classe politica, ci aspettiamo che traduca le promesse elettorali in impegni".

print_icon