PALAZZO CIVICO

Doppio lavoro (e stipendio) per il portavoce di Appendino

Nel fascicolo dell'inchiesta sui conti del Salone del libro spunta la fattura per una consulenza da 5mila euro di Luca Pasquaretta. Un incarico mentre continuava a svolgere il lavoro con la sindaca e ora al vaglio di uffici e magistrati

Si annunciano nuovi guai per il capo ufficio stampa della sindaca di Torino Luca Pasquaretta. Nel fascicolo aperto dalla Procura sui conti del Salone del Libro è spuntata una consulenza che il pitbull della prima cittadina grillina, come da lei stessa soprannominato, ha svolto lo scorso anno alla kermesse, formalmente a supporto del presidente della Fondazione Massimo Bray (anche se il contratto è firmato dal vice Mario Montalcini). Un incarico ultroneo, cioè al di fuori del proprio rapporto di lavoro in Municipio nello staff della prima cittadina, ricompensato con 5mila euro attraverso l'emissione di una regolare fattura, proprio mentre continuava a svolgere il proprio incarico nella amministrazione cittadina. Un doppio ruolo che, al netto di ragioni di opportunità e di "estetica" (se non di etica) istituzionale, quand'anche regolarmente autorizzato dagli uffici, potrebbe configurare persino qualche illecito qualora Pasquaretta risultasse, agli atti, contemporaneamente in servizio in Comune e al Salone. Per questa collaborazione, inoltre, Pasquaretta avrebbe ottenuto il saldo della fattura subito dopo la fine dell’evento, un privilegio giacché il resto dei fornitori e dei consulenti è ancora alla porta in attesa di compensi che chissà se e quando arriveranno. Insomma, un’altra tegola su Pasquaretta, già coinvolto anche nell’indagine gemella sui fatti di piazza San Carlo per la gestione dell’allestimento del megaschermo al Parco Dora, dove fu proiettata la finale di Champions dello scorso anno tra Juventus e Real Madrid. 

print_icon

5 Commenti

  1. avatar-4
    11:17 Sabato 05 Maggio 2018 abrecu bulli

    Due bulletti arroganti e presuntuosi avevano messo le mani su una città ormai indifferente e rassegnata contribuendo al declino e al degrado. Il dato preoccupante è dovuto al fatto che grazie all'opposizione divisa e pavida questi individui continueranno da dietro le quinte i loro miseri traffici di piccolo cabotaggio per altri tre anni.

  2. avatar-4
    23:10 Venerdì 04 Maggio 2018 Cronistapresente Il volano della cultura a Torino

    A dirlo sembra ripetitivo, ma affatto banale: Torino merita un'amministrazione politica più preparata e più concreta rispetto al M5S, che giorno dopo giorno non fa che collezionare conferme alla sua manchevolezza amministrativa, e alla suo pressapochismo politico, segnato da una inesistente incisività d'azione su tutto il territorio ed i suoi cittadini. Il resto sono inutili e inefficaci giochini venali e favoritismi ridicoli.

  3. avatar-4
    22:59 Venerdì 04 Maggio 2018 PoveroDumas Nessuno se ne ricorderà

    e forse già pochi se ne accorgono ora. Ma se costoro avessero un minimo di decenza dovrebbero almeno nasconderlo in una stanza segreta, come fatto per la vicenda della multa all'ex angelo custode della sindaco.

  4. avatar-4
    22:07 Venerdì 04 Maggio 2018 moschettiere Si sa

    Ormai dovrebbero averlo capito tutti di che pasta son fatti questi personaggi. I santi, sappiamo bene, sono pochi - per non dire rarissini - sia a destra che a sinistra, ma è la millantata superiorità morale dei 5S a disturbare le persone di buon senso. E i fatti, spesso e volentieri, smentiscono apertamente questa loro fastidiosa presunzione. Speriamo che la gente se lo ricordi anche quando entra in cabina elettorale...

  5. avatar-4
    20:57 Venerdì 04 Maggio 2018 Paladino Ma guarda un po'

    I puritani, esenti da vizi che viaggiano in bici hanno qualche scheletrino negli armadietti?

Inserisci un commento