SANITA' & GIUSTIZIA

Asl To3, indagato il dg Boraso

La finanza ha perquisito gli uffici dell'azienda sanitaria e della società Althea per una concessione da 57 milioni di euro. Ipotesi di reato: turbativa d'asta. Sotto inchiesta anche il responsabilità sanità degli Industriali torinesi Antonio Marino

I militari della Guardia di finanza, polizia economico-finanziaria, hanno perquisito stamattina gli uffici dell’Asl To3 a Collegno e quelli torinesi della Althea Italia, società leader nelle tecnologie biomedica. I finanzieri hanno acquisito atti e documenti sul partenariato pubblico-privato per la fornitura di strumenti per la diagnostica e la trasmissione di dati, un appalto da decine di milioni di euro su cui la procura di Torino ha aperto un’inchiesta. Due persone risultano al momento iscritte nel registro degli indagati per l’ipotesi di turbativa d’asta: si tratta del direttore generale dell'Asl To 3, Flavio Boraso, e del rappresentante legale della società, Antonio Marino, a capo del comparto Sanità dell'Unione industriale di Torino. In procura è stato sentito come persona informata sui fatti la responsabile del provveditorato dell’Asl To3, Lucia Mollica.

Il partenariato pubblico-privato è una procedura introdotta dal nuovo codice degli appalti e consente a un’azienda di proporre agli enti pubblici dei progetti o degli acquisti ripartendosi i rischi. Nei primi mesi del 2018 l’Asl To3 aveva aggiudicato il bando per la concessione di servizi di risonanza magnetica per gli ospedali di Rivoli e Pinerolo e di Tac per quello di Venaria, compreso di personale, formazione e manutenzione. Base d’asta: più di 57 milioni di euro. L’unica società a farsi avanti è stata l’Althea con un ribasso dello 0,4 per cento circa.

Su quelle gare, sul valore dei servizi offerti, sui costi e sui rischi avevano sollevato dei dubbi sia la lista “Civica per Collegno”, sia il gruppo M5s alla Regione Piemonte, al punto che il consigliere Giampaolo Andrissi ha presentato un esposto alla Corte dei conti. A occuparsene ora è anche la procura presso il tribunale di Torino.

print_icon

3 Commenti

  1. avatar-4
    13:11 Venerdì 11 Maggio 2018 tandem E poi....

    E poi per far tornare i conti si tagliano servizi e dipendenti......

  2. avatar-4
    20:33 Giovedì 10 Maggio 2018 Paladino Ma quando....

    Ma quando guardiamo nelle altre ASL TO, a partire dalla più grande....

  3. avatar-4
    15:50 Giovedì 10 Maggio 2018 PELDICAROTA COINCIDENZA?

    Ma è lo stesso Marino che era consigliere di amministrazione in AMOS?

Inserisci un commento