Spiazzato

Dicono che… sia rimasto spiazzato persino il vicepresidente della Regione Piemonte Aldo Reschigna della decisione di affidare alla Fondazione per la Cultura il Salone del libro, annunciata ieri da Chiara Appendino. È stato lui stesso ad ammetterlo davanti ai cronisti che lo interpellavano a margine del Consiglio. Insomma, il percorso – evidentemente concordato solo con il convalescente Sergio Chiamparino – non pare essere così definito e tanto meno appare scontato l’esito, mentre i malumori aumentano, soprattutto nel Pd. Piazza Castello, infatti, che da sempre ha avuto un ruolo centrale in Librolandia, e non solo in qualità di primo finanziatore, nel futuro sarebbe legata al Salone solo attraverso una convenzione, lasciando nelle mani di Palazzo Civico la più importante fiera di libri d’Italia. E se tra un paio d’anni il prossimo governatore decidesse di dirottare altrove i "propri" soldi?

print_icon