POLITICA & GIUSTIZIA

Consulenze alla fidanzata, per i pm va condannato

L'ex direttore del Parco fluviale del Po aveva affidato alla compagna lavori per 35mila euro. I pm chiedono chiedono la condanna per entrambi a due anni con l'accusa di abuso d'ufficio. Tra due settimane la sentenza

Da direttore dell’ente Parco fluviale del Po, Ippolito Ostellino aveva affidato alcune consulenze per 35mila euro alla sua compagna, Monica Nucera Mantelli. Affidamenti avvenuti in modo diretto, senza gara pubblica. Secondo la procura, però, queste attività dovevano essere assegnate soltanto dopo una procedura comparativa tra le qualità della fidanzata, esperta di marketing e comunicazione, e quella degli altri “concorrenti”. Per questo stamattina il sostituto procuratore Laura Longo ha chiesto la condanna a due anni per abuso d’ufficio nei confronti di Ostellino e Nucera Mandelli. Alla sua richiesta si è aggiunta quella dell’avvocato Alessandro Mattioda, rappresentante dell’ente di gestione del Parco fluviale del Po torinese. Gli avvocati Stefano Campanello e Vincenzo Enrichens, difensori dei due imputati, ne hanno chiesto invece l’assoluzione.

Il caso è emerso nel 2015 quando la Regione Piemonte, a cui fa riferimento l’ente, ha ricevuto delle lettere anonime (firmate da tale “Rosaspina”) nelle quali si denunciavano gli incarichi conferiti dal direttore alla compagna per la promozione dell’immagine del parco e delle sue attività. Da piazza Castello, a quel punto, la segnalazione è stata inoltrata alla procura, che ha condotto l’inchiesta penale. Sono emersi tre contratti annuali per il 2012, 2013 e 2014 e un contratto biennale nel 2015. Ostellino, poi, avrebbe voluto rinnovare l’incarico alla sua convivente per altri due anni e affidarle anche il compito di curare il dossier per la candidatura del Parco a “Riserva di biosfera dell'Unesco”. In questo modo, secondo l’ipotesi dell’accusa, Ostellino aveva provocato un vantaggio alla compagna e un danno all’ente.   

In tutto questo non ci sarebbe nulla di illegale, hanno ribattuto i difensori, anzi “il presidente dell’ente è venuto a dirci che l’immagine del Parco è migliorata”, ha ricordato l’avvocato Campanello per sottolineare che gli incarichi hanno portato a risultati positivi, mentre Enrichens ha sostenuto che quel tipo di consulenza per la comunicazione non richiedeva una gara. Quest’ultimo, inoltre, ha ricordato che, tra le tante cose, era stato il presidente dell’ente a chiedere al direttore di trovare una professionalità per curare l’immagine del parco in vista della proposta per la designazione a patrimonio dell’Unesco, una “candidatura caduta perché non si è voluto dare una consulenza da 900 euro”, ha detto. Infine Enrichens ha fatto un parallelo con un altro processo per abuso d’ufficio, quello sulle concessioni delle arcate dei Murazzi, spiegando che quella sentenza ha ribadito la prevalenza dell’interesse pubblico sulla violazione dei regolamenti amministrativi: “Bisogna guardare all’interesse pubblico”. Per questo hanno chiesto l’assoluzione, perché il fatto non sussiste e perché manca il dolo. La terza sezione penale del tribunale ha rinviato il processo al 16 luglio per la sentenza.

print_icon

4 Commenti

  1. avatar-4
    10:01 Lunedì 02 Luglio 2018 dedocapellano Il meglio è nemico del bene....

    ...… sono trascorsi 73 anni dalla fine della guerra e della disavventura fascista, abbiamo avuto il "68" poi gli anni di "piombo", le Brigate Rosse ,tangentopoli, ecc. e siamo ancora a discutere di "pagliuzze" che senza dubbio danno fastidio, e vanno rimosse, ma oggettivamente non sono "mortali" come lo sono le seguenti cifre: 5 milioni di poveri di cui 1.2 milioni giovani, 2 milioni di "analfabeti", 13 milioni di "semi analfabeti, 13 milioni di "analfabeti di ritorno" ( cioè di persone che pur avendo fatto le scuole dell'obbligo hanno smesso di leggere e scrivere con continuità…... una disoccupazione al 11percent. che nella fascia 35-49 anni ha un saldo di 1 milione di disoccupati. Concentriamoci a risolvere prima i problemi più gravi e poi a seguito, ave è possibile, tutti gli altri.

  2. avatar-4
    23:59 Sabato 30 Giugno 2018 ALIENO1951AC MORALE ANCORA PIÙ VOMITEVOLE

    FIN QUANDO ESISTERANNO OMINICCHI NARCISISTI: IO, IO... QUESTO PAESE NON EMERGERÀ MAI...

  3. avatar-4
    20:04 Sabato 30 Giugno 2018 dedocapellano Tutti teniamo famiglia....

    Sotto il profilo "estetico" queste "raccomandazioni" sono veramente decadenti, ma in Italia avvengono in tutte le forme possibili e immaginabili ad esempio conosco figli di top manager di una grande banca che rivestono ruoli interessanti nella stessa banca, mi sembra che un candidato sindaco di Torino ( assessore regionale)in quota al centrodestra che non è' fu eletto e' stato prontamente assunto come dirigente in una banca cittadina ecc ecc ecc. Direi quindi di lasciare la ghigliottina o la garrotta per altri casi.

  4. avatar-4
    13:46 Sabato 30 Giugno 2018 ALIENO1951AC LA SOLITA VOMITEVOLE ITALIA

    2 ANNI DI PUNIZIONE ? 20 ANNI DI GALERA E LAVORI UTILI A GRATIS. PER DANNI MORALI DI REPUTAZIONE COMPROMESSA DEL POPOLO ITALIANO DA QUESTI MESCHINI ESEMPLARI CHE DOVREBBERO ESSERE DI ESEMPIO PER LE NUOVE GENERAZIONI E INVECE SONO VOMITEVOLI. NEPOTISMO PUTRIDO MA IMMARCESCIBILE. E RESTITUISCANO I SOLDI SOTTRATTI CON INTERESSI !

Inserisci un commento