DISCORDIA ISTITUZIONALE

Asti-Cuneo: Toninelli convoca un vertice, ma taglia fuori la Regione

Il consigliere grillino Campo annuncia la riunione con il ministro sul completamento dell'autostrada. L'assessore piemontese Balocco avvertito dal sindaco Borgna: "Aspetto un invito ufficiale". Che probabilmente non arriverà

Un altro sgarbo del ministro Danilo Toninelli al Piemonte. Per averne la prova non c’è bisogno di attendere il terzo indizio, come consigliava Agatha Cristie per fugare il dubbio su una coincidenza: dopo la mancata risposta all’invito rivoltogli dal presidente della Regione Sergio Chiamparino per un incontro chiarificatore sulle infrastrutture, il titolare delle Infrastrutture segue lo stesso copione con l’assessore regionale ai Trasporti Francesco Balocco in merito all’Asti-Cuneo.

“Sono novanta giorni che aspetto comunicazioni dal ministro che, ad oggi, ancora latita. Aspetto che mi dica cosa intende fare” ha detto in maniera telegrafica e non meno piccata l’assessore, stamani in commissione Trasporti di Palazzo Lascaris, affrontando la questione dell’autostrada, già oggetto di un battibecco a distanza tra lo stesso Toninelli e Chiamparino.

Quest’ultimo era stato accusato dal ministro grillino di “fare propaganda”. Toninelli, sempre rifiutando ogni incontro, aveva spiegato che il suo ministero “sta lavorando alla soluzione migliore dal punto di vista progettuale e finanziario. Se però l'intento del Partito Democratico non è quello di realizzare l'opera nel minor tempo possibile ma anche nel modo migliore -aveva aggiunto polemicamente - ma è solo quello di prorogare la concessione ai padroni delle autostrade, dovrebbe dirlo chiaramente”.

Più che in un rapporto tra istituzioni – Governo e Regione – il ministro sembra muoversi su un terreno prettamente politico tra due partiti avversari. Difficile leggere altrimenti non solo il silenzio di fronte alle richieste di Chiamparino e Balocco, ma anche a quanto emerso proprio oggi in commissione.

È stato, infatti, il consigliere cuneese del M5s Mauro Campo, di fronte a un sempre più irritato assessore, ad annunciare la convocazione da parte di Toninelli di un incontro al quale è stato invitato il sindaco Federico Borgna in veste di presidente della Provincia fissato per la fine del mese, probabilmente il 24.

“La Regione non è stata invitata”, la gelida replica di Balocco. Il quale ha poi spiegato di aver avuto la notizia dell’incontro dallo stesso presidente della Provincia: “Valuterò se andare o meno, a meno che dalla segreteria del ministro non arrivi l’invito”, rimarcando di trovare “a dir poco irrituale tutto ciò”.

Ma i nodi da sciogliere non sono solo quelli (solo in apparenza) formali come le mancate risposte del ministro alle sollecitazioni della Regione: “Il consigliere del M5s Campo in commissione ha ipotizzato di eliminare il pedaggio. Vogliono farlo? – osserva Balocco – Però si sappia che significa rescindere l’attuale concessione (al Gruppo Gavio, ndr), probabilmente pagare qualche penale e poi affidare tutto ad Anas e trovare i fondi per completare l’opera”.

Nel corso dell’audizione, l’assessore ha fatto il punto anche sul piano regionale della mobilità e dei trasporti, aggiornando sullo stato dell’arte. “Questo è uno dei tre piani che devono procedere parallelamente, gli altri due sono quello della qualità dell’aria  in capo al collega Alberto Valmaggia e quello energetico di cui si occupa l’assessore Giuseppina De Santis. Entrambi sono quasi completati, mentre quello dei trasporti è già stato approvato a gennaio dal Consiglio regionale. Adesso – spiega Balocco – sono in fase di elaborazione i due piani di settore, più operativi e che riguardano la logistica e la mobilità delle persone”.

LEGGI QUI IL PIANO

L’attenzione è, ovviamente, rivolta al trasporto pubblico, “ma anche su quello privato, essendo necessario lavorare per spostare quanto possibile la mobilità dal secondo al primo”. Sui tempi Balocco fissa a entro la fine dell’anno l’approvazione complessiva del piano, “ovviamente sempre in parallelo con quello della qualità dell’aria e quello dell’energia.       

print_icon

0 Commenti

Inserisci un commento