La cura dell’anima (del commercio)

Quando tutti gli ingranaggi  fanno bene la propria parte, tutto il motore funziona. Ma il sistema funziona sempre così? Anche ad Asti tutti agiscono secondo il proprio ruolo? Il Comune ha svolto tecnicamente il proprio ruolo,  ha esaminato la pratica edilizia e, trovandola non conforme alla legge, ha negato il permesso di costruire il supermercato. Anche i Cittadini hanno svolto il loro ruolo, non si sono limitati al solito mugugno, si sono opposti concretamente ed  hanno agito in tutti i modi democratici, sul piano politico e financo legale, per tutelare i propri diritti.

E la Curia? La Curia ha tutelato i propri interessi, ha chiesto il permesso di costruire un supermercato e, quando le è stato negato, ha insistito a voler costruire ugualmente, non ha rispettato le promesse fatte e addirittura è ricorsa in tribunale. Non ho dubbi che la Curia vescovile si occupi  in primis delle nostre anime, ma evidentemente non solo. Le antiche e sagge regole di dare a Cesare ed a Dio il proprio valgono sempre? Per tutti?

print_icon

0 Commenti

Inserisci un commento