Psichiatria a senso unico

Lunedì mattina 2 luglio a Palazzo Lascaris, sede della Regione Piemonte, si svolgerà un interessante Convegno sul tema del Piano d’ Azione per la Salute Mentale. Vorrei consigliare agli interessati all’argomento di cercare in internet il testo del Piano di azione per la salute mentale 2013-2020 pubblicato a gennaio 2016 dalla Organizzazione Mondiale della Sanità ove viene sottolineato “il ruolo essenziale della salute mentale ai fini della realizzazione dell’obbiettivo della salute per tutti. Si basa infatti su un approccio che dura tutta la vita, che punta a raggiungere l’uguaglianza attraverso la copertura sanitaria universale e che sottolinea l’ importanza della prevenzione.

Definisce quattro obbiettivi principali:
1. ottenere una leadership e una governance più efficaci nell’ ambito della salute mentale
2. riuscire ad offrire servizi di salute mentale e servizi sociali completi, integrati e capaci di rispondere ai bisogni della comunità
3. mettere in campo delle strategie di promozione e prevenzione
4. rafforzare i sistemi informativi, raccogliere sempre più evidenze scientifiche ed implementare la ricerca.

Gli obbiettivi di questo piano sono certamente ambizioni, ma l’ Organizzazione Mondiale della Sanità ed i suoi stati membri si sono impegnati a raggiungerli”.

Volendo riassumere il documento dell’OMS, credo che basterebbero poche parole: studio del fenomeno, democrazia delle scelte operative.

Credo che tutti i lettori conoscano, almeno sommariamente il conflitto che si è aperto dal 2015 tra l’Assessorato alla Sanità della Regione Piemonte e le associazioni dei familiari, gli enti gestori delle strutture della psichiatria residenziale, persino con i comuni di Torino e della regione. Un conflitto aperto ove l’Assessorato alla Sanità ha prodotto numerose delibere regionali per “migliorare” la Dg. 30 del giugno 2015 e le numerose controparti continuano a manifestare il dissenso ed a rivolgersi al Tribunale Amministrativo, al Consiglio di Stato e stanno lavorando ad interpellanze parlamentari. È normale che ci si rivolga ad un Terzo quando non si trova ascolto.

Le tre principali DG. 30/2015, Dg.29/2016, Dg 41/2018 si caratterizzano per alcuni aspetti: riduzione della spesa dell’ Assessorato e scarico di una ampia fetta sui familiari e Comuni, riduzione del personale specialistico (psichiatri, psicoterapeuti, educatori, artisti..), un sistema di governance fortemente  centralizzato e burocratizzato, scarsa interlocuzione con gli enti operanti, nessuna ricerca ed esame della efficacia dei servizi.

Un fenomeno regionale complesso per una popolazione di quasi cinque milioni di abitanti:  50.000 pazienti presso i Dipartimenti di Salute Mentale, la maggior parte con cure ambulatoriali, ma per i pazienti in condizioni più gravi: 12.000 ricoveri nel 2017 nei repartini ospedalieri della durata di 12 giorni; 8.000 ricoveri nel 2017 nelle case di cura della durata di 42 giorni: 2500 ricoveri nelle cosiddette strutture residenziali (comunità terapeutiche, comunità alloggio, gruppi appartamento) e pazienti in numero sconosciuto “resistenti al trattamento” che urlano, si aggirano smarriti, dormono per strada o non escono dalle loro abitazioni.

Ricerca per studiare il fenomeno zero, formazione per gli operatori zero, interlocuzione con i gestori scarsissima, burocrazia molto elevata, risparmio della spesa per la psichiatria lodevole. 

L’Assessorato alla Sanità ha evidentemente scelto un indirizzo di azione fortemente antagonista a quello indicato dalla Organizzazione Mondiale della Sanità. Anche un indirizzo antagonista a quello indicato dalla legge nazionale italiana sui LEA del marzo 2017 ove si parla di “psicoterapia individuale, di gruppo, di famiglia” (il termine psicoterapia non compare mai nelle varie DG). Anche una linea antagonista agli accordi Stato Regione del 2000 che prevedevano un impegno del 5% della spesa sanitaria per le problematiche psichiatriche, mentre la Regione Piemonte spende il 3,2 %.

Lunedì i relatori parleranno del Piano di Azione per la Salute mentale in Piemonte, ma i relatori che parleranno sono quasi esclusivamente gli autori e promotori dell’orientamento dell’Assessorato. Dunque un convegno senza interlocutori del contradditorio. Si tratta dunque di un curioso convegno, un po’ come se Erdogan organizzare ad Istanbul un convegno sui principi della democrazia di Montesquieu.

*Metello Corulli, presidente Il Porto onlus; presidente Fenascop Piemonte

print_icon

2 Commenti

  1. avatar-4
    07:45 Martedì 03 Luglio 2018 tandem Le manifestazioni di regime

    Saitta ha irrimediabilmente sfasciato la sanità piemontese, vive ormai di pura propaganda, dai convegni tarocchi come questo alle inaugurazioni di nulla, come quella recente della ostetricia del Maria Vittoria, una semplice ristrutturazione spacciata per grande evento con la complicità del Direttore Generale Alberti e un paio di politichetti super gentili perché quasi certi futuri trombati ...

  2. avatar-4
    02:52 Martedì 03 Luglio 2018 gastone Ma la democrazia...

    ...non era una bandiera della sinistra? Forse ho perso il treno, dove siamo? In dittatura? Ah sì forse nella dittatura della sinistra, quella di Stalin, sono passati decenni ma il sistema dittatoriale (mascherato da becero buonismo/qualunquismo) sta ancora nelle fibre di ciò che rimane della sinistra italiana.

Inserisci un commento