Stati uniti d’Europa addio

Dieci anni di crisi economica sembrano aver distrutto il mito positivo dell’Europa, alimentando l’insofferenza verso Bruxelles, la rigidità dei trattati e la soffocante leadership tedesca. Ma com’è stato possibile che i partiti populisti e sovranisti siano arrivati, in Italia, a raccogliere il 50% dei consensi?

Questo clamoroso successo si deve in larga parte ai cosiddetti “euroinomani“e cioè tutti quei politici, quegli economisti e quei giornalisti che per troppi anni si sono rifiutati di riconoscere l’oggettiva anomalia dell’euro, ostinandosi a negare il sostanziale fallimento dell’austerità espansiva e sposando acriticamente il nuovo ordine della globalizzazione.

Brexit, la vittoria di Trump e le elezioni italiane dimostrano però che i popoli stanno invertendo la Storia. Quella che è iniziata infatti non è una protesta, ma una rivolta: contro la disuguaglianza crescente, contro l’impoverimento del lavoro, contro la finanziarizzazione dell’economia, contro le delocalizzazioni predatorie e, soprattutto, contro il dominio delle élite. A un anno dalle elezioni europee ha ancora senso parlare degli Stati Uniti d'Europa? Direi proprio di no, il progetto è largamente fallito.

print_icon

1 Commenti

  1. avatar-4
    22:47 Martedì 10 Luglio 2018 osservatore22 Finanza e politica 5 a 0

    Nel momento in cui si è accettato che la Finanza internazionale - Il Fondo Monetario etc . comandassero alla politica si è decisa la sconfitta di ogni progetto di unione europea che riguardasse anche solo minimamente i cittadini e non solo le banche . La Politica deve essere indipendente dalla finanza e in buona parte deve comandare l\'economia altrimenti non serve a niente come hanno capito bene i cittadini che hanno votato contro i partiti sudditi ( e non contro l\'Europa). Quando anche i partiti hanno rinunciato alle ideologie hanno rinunciato a ciò che li distingueva gli uni dagli altri di destra o di sinistra di centro etc. Se tutti fanno gli stessi discorsi non li distinguiamo più e certamente chi ha urlato più degli altri prende i voti. La democrazia non è fatta per i benestanti ma contro di loro poichè richiede la ridistribuzione artificiosa delle risorse disponibili, non si tratta di lotta di classe ma di logica e andate a rileggervi Platone e Aristotele .

Inserisci un commento