PIAZZATA

Il Pd sfila contro il suo governo

I segretari regionale Morgando e torinese Morri aderiscono alla manifestazione di sabato dei sindacati contro i provvedimenti economici dell’esecutivo guidato da Letta. “Va cambiata la Legge di stabilità”. Ma sono i forconi a spingerli in piazza

I forconi spingono in piazza il Pd. L'onta di aver subito lo sfratto da una masnada di irregolari va vendicata. Anche a costo di aderire a una  manifestazione, come quella indetta per sabato prossimo da Cgil Cisl e Uil, apertamente contro le politiche economiche di un governo presieduto da un loro esponente, Enrico Letta, già vicesegretario del Nazareno. Dopo ore di imbarazzo, tirati per la giacchetta da militanti e dirigenti, i vertici democratici del Piemonte e di Torino hanno rotto gli indugi annunciando la partecipazione ufficiale del partito al corteo promosso dalle organizzazioni sindacali. La decisione è giunta al termine di un incontro tra Gianfranco Morgando e Aldo Reschigna, rispettivamente segretario regionale e capogruppo a Palazzo Lascaris del Pd, e i responsabili della triplice (Alberto Tomasso, Giovanna Ventura e Lorenzo Cestari). Un lodo molto doroteo – l’attestata “coincidenza tra le questioni di merito sollevate dai sindacati e le analisi del Pd, che da tempo sottolinea la grave inadeguatezza delle politiche regionali di fronte alla crisi” – ha permesso di aggirare, almeno sul piano dialettico, le divergenze politiche.

 

I rappresentanti delle organizzazioni sindacali hanno illustrato le loro posizioni, insistendo sulla necessità di modificare l’impostazione della legge di Stabilità, recita il comunicato emesso da via Masserano. E, a tal proposito, Morgando e Reschigna “hanno condiviso l’esigenza che la legge di Stabilità si caratterizzi per scelte in grado di far uscire il Paese dalla crisi”, e, in particolare, ad abundantiam “hanno condiviso la richiesta, già oggetto di un impegno del Presidente del Consiglio, che le risorse provenienti dalla lotta all’evasione fiscale e dalla spending review vengano automaticamente destinate all’attenuazione del cuneo fiscale e all’aumento delle detrazioni per lavoratori e pensionati”.

 

E così dopo il giurin giurello del duo democratico che ha assicurato l’impegno dei parlamentari piemontesi che “si adopereranno in tal senso nella fase finale di discussione della legge”, l’accordo è stato trovato: si sfila e così il minimo sindacale è assicurato. Peccato che il Paese reale di tutte queste manfrine, come si è visto, ne ha piene le saccocce. Ed è davvero inutile, se non addirittura stucchevole, scrivere che Pd e sindacati abbiano concordato sul fatto che la manifestazione dovrà essere  “un punto di riferimento e di convergenza di forze politiche e sociali, di associazioni e di cittadini che non sono disposti ad abbandonare alla violenza l’azione per la difesa del lavoro, dell’equità e della giustizia, e che intendono tutelare la legalità ed il confronto democratico come condizione fondamentale per affrontare i gravi problemi economici e sociali che stiamo vivendo”. I fatti, come sempre, hanno anticipato le parole. Purtroppo.

print_icon

9 Commenti

  1. avatar-4
    11:32 Venerdì 13 Dicembre 2013 lancillotto la chiave di lettura delle larghe intese

    parentopoli rimborsopoli

  2. avatar-4
    10:37 Venerdì 13 Dicembre 2013 Cinghiale Trasformismo e assoluta mancanza di coerenza

    Venerdì scorso ho visto schierati al Centro Congressi del Lingotto gli ex bersaniani Fassino,Lubatti (cd. "Cieco e sordo honoris causa"), Morgando e l'On. Paola BRAGANTINI (compagna di vita di Andrea STARA, allo stato indagato per l'acquisto di un tosaerba alla modica cifra di 4000 euro, sordi de noialtri)che applaudivano e magnificavano RENZI il quale, dopo la sua elezione, dava la fiducia al suo amico LETTA e alla CANCELLIERI...Sabato 14 MORGANDO (e magari pure glia altri due!)manifesteranno con CGIL contro il Governo...ma dov'è la coerenza, "Signori miei"(Renzi)???

  3. avatar-4
    09:54 Venerdì 13 Dicembre 2013 marcopuglisi dopo questa decisione....

    Anche Silvio potrà partecipare alla festa delle Vestali! Cari amici del Pd guardate che al governo ci siete voi... o pensate di dire che c'è ancora Berlusconi??

  4. avatar-4
    08:05 Venerdì 13 Dicembre 2013 ripa lettera aperta a questo PD

    Caro questo PD, se almeno riuscissi a vergognarti, il PIL crescerebbe di un punto. E la credibilita' di noi che crediamo nei tuoi valori fondanti, di due. Come sempre, fai tu. A presto.

  5. avatar-4
    06:57 Venerdì 13 Dicembre 2013 cesiracesira74 non sanno

    come farsi rieleggere mandiamoli a casa tutti

  6. avatar-4
    23:46 Giovedì 12 Dicembre 2013 sandro.aa Partito di lotta e di governo

    Al mattino un bel corteo contro gli sprechi della politica, il pomeriggio un salto a comperarsi la motosega e la sera una bella cena (coi soldi del gruppo consiliare). La prossima settimana si cambia: politici il mattino, protestanti contro la politica il pomeriggio.

  7. avatar-4
    23:24 Giovedì 12 Dicembre 2013 silvioviale CI SARANNO ANCHE I PARLAMENTARI?

    Voglio vedere Esposito double-face: in giaccone in piazza contro la legge di stabilità e in giacca in parlamento a votarla ... turandosi ovviamente il naso. Va bene che si può aderire parzialmente su una propria particolare piattaforma, ma non credo che i sindacati vogliano che la si voti così com'è venuta.

  8. avatar-4
    22:30 Giovedì 12 Dicembre 2013 Alfonso P è confuso

    nonno reschi è confuso..sarà il miracolo ottenuto nei giorni scorsi ad averlo reso mistico?

  9. avatar-4
    22:27 Giovedì 12 Dicembre 2013 gastone BUFFONI!!!!!

    BUFFONI! BUFFONI! BUFFONI!

Inserisci un commento