CAPITALISMO GLOBALE

Renzi: “Discutibile la scelta di Fiat”

Il segretario Pd lamenta la scarsa attenzione sull’operazione “seria” che ha portato la sede legale ad Amsterdam e quella fiscale a Londra: “Qualche debito con l’Italia quel gruppo ce l’ha”. E chiede di aprire il confronto, anche sulle tassazioni

“Mi ha molto colpito la discussione che non c'è stata a seguito della scelta seria e discutibile del principale gruppo industriale del paese di portare la sede legale ad Amsterdam e la sede fiscale a Londra. Mi ha colpito che su questo tema si siano spesi due giorni di dibattiti, molto meno che sul rimpasto o le discussioni tra noi”. E' la premessa “stravagante” con cui Matteo Renzi ha aperto la direzione nazionale del Pd. “Mi colpisce - aggiunge - perché qualche debito con l'Italia quel gruppo ce l'ha ma non abbiamo aperto la discussione sul nostro modello fiscale”.

 

“Perché Amsterdam sì e Torino no? Forse perché in quel Paese è più semplice svolgere alcune attività”, ha poi detto aggiungendo che la nuova sede fiscale della Fiat è stata posta “non in Lussemburgo ma a Londra. E noi non abbiamo posto in discussione il nostro modello fiscale”. Una posizione per certi versi dissonante dal coro unanime di plauso acritico con le quali, anche all’interno del suo stesso partito, sono state accolte le decisioni comunicate lo scorso 29 gennaio dall’amministratore delegato Sergio Marchionne all’atto di nascita di Fca. Basti pensare alle valutazioni espresse dal sindaco di Torino Piero Fassino, ancora nell’ultimo consiglio comunale. “Mi stupisce che il dibattito che il nostro Paese dedica al più grande gruppo industriale privato che lascia l’Italia è non più di due giorni. E' un tema che ha a che fare con un’idea di Paese e di politica industriale che non mancheremo di riaffrontare. Ma non volevo iniziare la prima direzione dopo quell’annuncio senza fare almeno un accenno”, ha concluso Renzi.

print_icon

6 Commenti

  1. avatar-4
    06:57 Venerdì 07 Febbraio 2014 marceba ma

    se i cittadini portassero i capitali all'estero per pagare meno tasse?

  2. avatar-4
    01:04 Venerdì 07 Febbraio 2014 MassimoDAzeglio Paraculo

    Fino a qualche mese fa Renzusconi dice: "Io sto con Marchionne senza se e senza ma". Ora ha sentito i sondaggi calare ed è uscito con questo comunicato che non significa niente. Magari parlatene a scopone tutti insieme con Chiamparino mentre gli operai sono a spasso e sotto i ponti...

  3. avatar-4
    00:12 Venerdì 07 Febbraio 2014 silvioviale TANTI SOLDI ...

    Facile dire oggi "tanti soldi". Più difficile dirlo ieri in faccia agli operai con il proprio culo al caldo. Il punto è oggi e non mi piace questo populisno opportunista di Renzi. Dica piuttosto cosa farebbe perché FCA possa avere sede a Torino ... facendo i magri trasferire anche la Toyota.

  4. avatar-4
    21:59 Giovedì 06 Febbraio 2014 gattonero ...finalmente,

    un politico che dice le cose come stanno. La FIAT saluta e se ne va, dopo aver preso tanti soldi pubblici e avendoci preso tanto in giro. Fassino?....era MOLTO meglio Pajetta.

  5. avatar-4
    18:22 Giovedì 06 Febbraio 2014 silvio QUESTIONE DI CULTURA

    Bravo RENZI,a breve tutti capiranno che anche Fassino andava rottamato,senza cultura!!!

  6. avatar-4
    17:44 Giovedì 06 Febbraio 2014 nelbeneenelmale Fassino ora che farà?

    Lui era tutto contento di questa FCA internazionale...

Inserisci un commento