BARUFFE PADANE

Montagna di rancori spacca la Lega

Clima rovente nel Carroccio piemontese. A scatenare la guerra è la nuova legge sulle Terre Alte firmata da Molinari e che la Maccanti vuole boicottare, chiedendo una “mano” a alleati e opposizione. Il tramonto di Cota infiamma gli animi

In ballo non c’è solo la paternità di una legge, quella sulla montagna, che non piace a una buona parte della maggioranza mentre è gradita all’opposizione. Il disegno di legge all’esame del Consiglio regionale porta la firma di Gian Luca Vignale, titolare della delega all’Economia montana, e di Riccardo Molinari, assessore agli Enti locali, leghista ma soprattutto successore di Elena Maccanti, l’ex cheerleader cotiana, che di quel provvedimento è stata mente ed estensore, prima di essere costretta ad abbandonare la poltrona in giunta, sacrificata sull’altare del rimpasto. Alla vigilia dell’approvazione la Maccanti ha deciso di sferrare l’attacco finale con l’obiettivo di boicottare il testo del compagno di partito, cercando alleati ovunque, tra le file del centrodestra (e nella stessa Lega) come nell’opposizione.

 

Un’azione che ha scatenato la rabbiosa reazione di Molinari che pur di difendere la “sua” legge (frutto di mediazione e qualche inciucio con il Pd) ha coinvolto nella bagarre il governatore e persino il leader federale Matteo Salvini. Come finirà, anche a seguito dei mal di pancia dei consiglieri di Fratelli d’Italia, lo si saprà oggi in quella che si annuncia come una seduta al fulmicotone del parlamentino piemontese.

 

Secondo fonti interne al Carroccio lo scontro Maccanti-Molinari non è che “l’antipasto dei bocconi avvelenati che saremo costretti a ingoiare nei prossimi tempi”, in un partito che con l’eclissarsi di Roberto Cota rischia di lacerarsi in conflitti personali. “E al tramonto le ombre si allungano – conclude il nostro insider – così persino i nani sembrano giganti”.

print_icon

6 Commenti

  1. avatar-4
    13:30 Mercoledì 12 Marzo 2014 Reartu' nane piu' che nani direi...

    e non solo di statura.

  2. avatar-4
    16:15 Martedì 11 Marzo 2014 Bandito Libero Nè nani nè giganti

    Nè nani nè giganti vedo, ma solamente una maggioranza sempre più asservita al PD, complice anche la regia d'Aula di Cattaneo, 'conditio sine qua non' per la soccombenza della maggioranza. Se Chiamparino vi asfalterà (e vi asfalterà, oh, se vi asfalterà..) e se i Giudici si sono permessi di fare quello che han fatto, è successo soprattutto perché avete perso la fiducia del Vostro mondo, del Vostro elettorato, di chi vi ha votato. E questa fiducia l'avete persa perché avete fatto leggi e portato avanti provvedimenti solamente voluti dal PD, salvo poi da questi "farvi sputare in faccia" politicamente: dopo un po' la gente si stufa.. Perché perderete? Perché tanto avete dimostrato che Chiamparino vince comunque, o direttamente od indirettamente anche se va all'opposizione!! Ed allora tanto vale votare direttamente subito lui e non farsi illusioni...

  3. avatar-4
    15:43 Martedì 11 Marzo 2014 faccimme o piacere robe da mat

    la lega è ormai al 2% grazie a questi personaggi. il decaduto e miss preferenza.

  4. avatar-4
    11:40 Martedì 11 Marzo 2014 giannaclelia fare politca è un'altra cosa

    L'incapaità di certi politici inprovvisati o che si trovano in questo consiglio per caso è meglio che vadano a casa e si occupino di altro, fare politica è occuparsi del territorio e non rivendicazioni personali

  5. avatar-4
    10:21 Martedì 11 Marzo 2014 Reartu' Elena Maccanti, l’ex cheerleader cotiana??

    AH AH AH

  6. avatar-4
    10:17 Martedì 11 Marzo 2014 Il pirata Basta

    Questi "insider" dovrebbero rendersi conto che per fare guerra ad un partito coerenza vuole che prima da quel partito ci si dovrebbe dimettere, facendo subito seguire le dimissioni dalla propria carica istituzionale ottenuta anche grazie a quel partito.....

Inserisci un commento