CERCASI GOVERNATORE

Centrodestra, annullate le primarie

Crosetto dei Fratelli d’Italia lancia un monito alla coalizione piemontese: “Fermiamo l'autodistruzione”. Le consultazioni sono archiviate e si moltiplicano gli incontri tra le diplomazie per uscire dal vicolo cieco: “Con quattro candidati la partita è persa”

«Le primarie, in programma il prossimo 6 aprile, non hanno più senso». In una nota stringata è il coordinatore regionale di Fratelli d’Italia Agostino Ghiglia a dare il triste annuncio, anche se – a dire la verità – la decisione era ormai da ore nell’aria. «Appare inutile, visti gli ultimi sviluppi, continuare in solitaria una battaglia di buonsenso e di unità che avrebbe scritto una pagina innovativa del centrodestra piemontese e nazionale e aumentato in modo sensibile le chances di battere Chiamparino. Si tratta di un passo indietro sofferto, sicuramente dannoso, che però evita l’accanimento terapeutico relativamente ad una partita ormai compromessa».

 

«Prendiamo atto, con rammarico, dell’indisponibilità dei nostri alleati – prosegue Ghiglia - con particolare evidenza per Forza Italia e Lega Nord, a mettersi in gioco e ad accettare la sfida. Chi, a livello nazionale e locale, non ha voluto le primarie si è preso una grande responsabilità, offrendo l’ennesimo assist a giochi di palazzo e antipolitica. La condotta di FdI-An è sempre stata chiara, trasparente e coerente e quello di oggi è l’ultimo appello al buonsenso: venga commissionato un sondaggio comune che incoroni con terzietà e maggiore scientificità il miglior candidato possibile. Noi continuiamo a ritenere deleteria l’eventualità di avere un centrodestra diviso alle prossime regionali e confidiamo nell’intelligenza politica delle altre forze moderate». 

 

Di corsa verso il burrone. È con questa immagine in testa che Guido Crosetto lancia un monito alle forze del centrodestra piemontese, ancora divise sulla scelta di un candidato unitario per le prossime regionali: “Forse è opportuno provare a fermare la corsa all’autodistruzione”, invoca il coordinatore nazionale di Fratelli d’Italia-An, tra i primi ad aver dichiarato la propria disponibilità a correre nel difficile tentativo di contrastare la guida della Regione a Sergio Chiamparino. Ma il countdown pare al momento impazzito e inarrestabile.

 

“Da un mese cerchiamo di trovare una via per individuare una candidatura unitaria”, ha aggiunto Crosetto ricordando la proposta avanzata dal suo partito e poi sposata da Ncd di primarie interne alla coalizione. Ora il tempo stringe e occorre trovare al più presto una soluzione per uscire dal vicolo cieco: “Un centrodestra con quattro candidati consegnerebbe a Chiamparino il Piemonte”. “Abbiamo lanciato le primarie, alle quali la Lega e Ncd hanno aderito – ricorda -. Nonostante Pichetto e, in alcuni momenti, lo stesso Silvio Berlusconi fossero disposti ad accettarle, si sono rivelate un tabù insormontabile per alcuni dirigenti nazionali di Forza Italia. Peccato. FdI-An ha poi proposto di scegliere il candidato migliore attraverso un sondaggio, ma nemmeno questo metodo è piaciuto a Forza Italia”. A questo punto, conclude l’ex sottosegretario “Se non vogliamo lasciare campo libero alla sinistra i partiti del centrodestra devono fermarsi un attimo a ragionare insieme. Le elezioni si vincono se si creano coalizioni ampie. Per farlo è necessario che ogni partito faccia un passo indietro e si metta al lavoro per trovare il candidato che ha più chance di vittoria”.

 

Improntata alla prudenza e all’equilibrio la reazione di Gilberto Pichetto. “Abbiamo apprezzato il buonsenso dimostrato da Fdi, riconosciamo lo sforzo di Crosetto e di Ghiglia nell’assumere una decisione che ha come obbiettivo la salvaguardia della coesione del centro destra “, scrive in una nota il numero uno di Forza Italia, rimandando alle future scadenze elettorali i “metodi proposti per la scelta della nostra classe dirigente”: ora i tempi stretti non lo consentono. Infine, un auspicio che è un refolo di speranza: “Chi pensava di aver già vinto la partita dovrà scontrarsi con il senso di responsabilità di una coalizione che sta dimostrando di avere come priorità il bene del Piemonte e dei piemontesi”.

print_icon

2 Commenti

  1. avatar-4
    21:49 Martedì 01 Aprile 2014 TWIG SCENEGGIATA

    Non avete capito che il Piemonte e' stato già venduto da Berlusconi a Renzi ? Suvvia....

  2. avatar-4
    20:20 Martedì 01 Aprile 2014 Bandito Libero ...e quindi?

    ... ?

Inserisci un commento