VERSO IL VOTO

Berlusconi tira la volata a Pichetto

L'ex premier è atteso a Torino lunedì per sostenere il suo coordinatore regionale in campo contro Chiamparino. Sarà presumibilmente la sua ultima uscita pubblica da uomo libero. Un modo per sedare le voci che lo davano incerto sulla scelta

Sarà probabilmente la sua ultima uscita pubblica da uomo libero. Lunedì in prima serata, Silvio Berlusconi approderà a Torino per aprire ufficialmente la campagna elettorale delle Regionali a sostegno del candidato presidente di Forza Italia Gilberto Pichetto, l’unico ufficialmente in campo in un centrodestra ancora spaccato e incerto su chi schierare in alternativa al vice presidente della Regione Piemonte (tra gli alfaniani  c’è la disponibilità a scendere in campo di Giampiero Leo, in attesa che il coordinatore regionale Enrico Costa sciolga la propria riserva). Una iniziativa carica di significato anche perché nei giorni seguenti - presumibilmente giovedì - i giudici del Tribunale di Sorveglianza decideranno in che modo l'ex premier dovrà scontare la pena, se ai domiciliari o ai servizi sociali, a seguito della condanna nel processo sui diriytti tv Mediaset.

 

La notizia è giunta direttamente dal Cavaliere "autosospeso" al suo coordinatore regionale che ha già messo in moto la macchina per una kermesse in grande stile che avrà come cornice il teatro Alfieri. Un modo per mettere a tacere anche le tante voci accavallatesi in questi giorni di un Berlusconi tentennante e pronto a convergere in extremis su un altro candidato pur di tenere unita la coalizione. Con il sovrano di Arcore è attesa anche tutta la corte di eletti e dirigenti a partire dal suo consigliere politico Giovanni Toti, i candidati alle Europee Alberto Cirio, Fabrizio Bertot e Tino Rossi, e le decine di aspiranti consiglieri regionali. Nella missione subalpina dell'ex premier sarebbe prevista anche una riunione "riservatissima" con un gruppo selezionato di rappresentanti del mondo imprenditoriale della regione.

 

Pichetto, intanto, assicura l’impegno “a creare le condizioni più favorevoli  per un centrodestra forte e coeso”. Massima è la disponibilità verso gli alleati: “Chiediamo a tutte le forze politiche del centro destra di dare il proprio contributo per costruire insieme una coalizione che sia fondata su un programma condiviso e che racchiuda le sensibilità di ciascuno – conclude il candidato governatore di FI - nelle prossime ore sono previsti  degli incontri a livello nazionale e locale che auspico possano portare ad una soluzione condivisa per il bene dei piemontesi”.

print_icon

3 Commenti

  1. avatar-4
    19:45 Giovedì 03 Aprile 2014 meri Forza Italia

    VAI AVANTI SILVIO CHE NO TI SAREMO SEMPRE FEDELI....E QUELLI CHE PARLANO MALE DI TE SONO COMPAGNI GELOSI E INVIDIOSI DI QUELLO CHE TU AI...

  2. avatar-4
    10:29 Giovedì 03 Aprile 2014 emanuele goldstein a proposito di costituzioni civili

    in un paese liberale e con una costituzione civile la magistratura si occupa di dirtto civile, penale ed amministrativo e non di far politica con le sentenze.emanuele goldstein

  3. avatar-4
    09:04 Giovedì 03 Aprile 2014 folgore46 Che cavallo....

    Berlusconi tira la corsa del biellese Pichetto Fratin. Rifletto: in un Paese retto da costituzioni civili, è normale che un candidato al governo si faccia tirare la volata da un pregiudicato per frode fiscale, cioè per frode a danno dello Stato, quindi per aver sottratto denari a tutti gli italiani, piemontesi compresi? Che effetti fa sentirsi così ...tirato? Come la può pensare la persona di buon senso?

Inserisci un commento