CONDOM PADANI

La Lega ce l’ha duro. Col guanto

Per contestare la Merlin i giovani del Carroccio distribuiscono preservativi ai coetanei. Gli elettori anziani dovranno attendere il tempo di colorare di verde le pillole di Viagra. E così Alberto da Giussano rinfodera lo spadone

Celodurismo di ritorno o viagra nelle urne cui affidare l’arduo compito di risollevare il quoziente elettorale? Macché: quella imboccata dai giovani padani di Novi Ligure è la terza via. Non quel residuato della Prima Repubblica, ma la strada che a parere loro deve portare a mettere una pietra sulla legge Merlin e riaprire le porte delle case chiuse. E quale simbolo meglio avrebbe potuto richiamare – nel contempo – il machismo protoleghista, la necessità di alzare di botto il consenso e riportare al suo significato proprio la parola “casino”? Così, per una volta, lo spadone dell’Alberto da Giussano non viene sguainato, ma accade il contrario. Tra gli immarcescibili santini, le biro, i righelli, i braccialetti e le t-shirt, l’armamentario dei gadget elettorali annovera una novità che manco ai tempi di Cicciolina e del suo partito dell’amore. “Distribuiremo preservativi ” annunciano i rampolli della Lega Nord di Novi Ligure, fissando per sabato prossimo nelle vie del centro l’appuntamento.

 

«Raccoglieremo le firme per dire “no” alla legge Merlin e distribuiremo ai ragazzi un preservativo. Sia perché si collega chiaramente al tema della nostra raccolta firme, sia per sensibilizzare i ragazzi sui rischi dei rapporti sessuali non protetti» spiega Giacomo Perocchio, capolista per le comunali nel centro dell’Alessandrino. E perché sia chiaro che anche nelle concitazione di certi momenti non va dimenticato il motto virile del Senatùr, sulla confezione han fatto stampigliare proprio l’Alberto da Giussano con lo spadone rizzato a cielo. “Li consegneremo ai giovani” annunciano i coetanei padani. Per gli elettori più avanti d’età toccherà aspettare una prossima iniziativa. Il tempo di trovare il modo di colorare di verde le pillole blu.

print_icon

1 Commenti

  1. avatar-4
    00:03 Mercoledì 23 Aprile 2014 ordalia2013 NON CAPITE ...

    Lo fanno per incentivare l'industria dei preservativi. E' un atto concreto per uscire dalla crisi.E poi sono tutti laureati a Tirana!

Inserisci un commento