DECADENCE

Forza Italia alla resa dei conti. Correnti

Le casse sono vuote, gli eletti non versano la cagnotta al partito, i debiti crescono. Berlusconi chiude i rubinetti e impone l'autosufficienza finanziaria. In Piemonte nascerà una Fondazione per il fundraising e la formazione dei nuovi quadri. Il flop dei Club

 

In Forza Italia è scattata l’ora dei conti: correnti. In un partito “padronale” e con una leadership per quanto ammaccata ancora saldamente in sella, è l’unico regolamento di conti non solo consentito ma addirittura sollecitato. È stato lo stesso Berlusconi a lanciare l’allarme: le casse sono vuote, i debiti incalzano, la morosità degli eletti è giunta a livelli insostenibili. E il Cavaliere non ha più alcuna intenzione di scucire quattrini e foraggiare l’attività politica con il suo patrimonio personale: “Siamo con l’acqua alla gola, servono soldi!”. Se per far fronte ai fabbisogni nazionali è stata lanciata una campagna di sottoscrizione, il cui obiettivo è di raccogliere almeno 30 milioni di euro, a livello locale ci si deve industriare perché come ha confermato nei giorni scorsi Mariarosaria Rossi, la “badante” del cerchio magico cui sono state consegnate le chiavi della cassaforte, neppure un centesimo uscirà dalle casse di San Lorenzo in Lucina all’indirizzo dei comitati regionali. Il messaggio è chiaro, per quanto brutale: “Arrangiatevi”. E così in Piemonte il coordinatore regionale starebbe ultimando le procedure per far nascere una fondazione con il preciso scopo di finanziare le prossime iniziative sul territorio. Un progetto affidato ad Angelo Burzi, politico di lungo corso, tra i fondatori del movimento in Piemonte, che dopo aver abbandonato lo scranno di Palazzo Lascaris è oggi tra i più ascoltati “consigliori” di Gilberto Pichetto.

 

Con le spese ridotte all’osso (la vecchia e sfarzosa sede di corso Vittorio dell’era ghighesca è stata lasciata lo scorso marzo per trasferirsi nei più spartani locali di corso Vinzaglio) e una campagna elettorale all’insegna del risparmio, per gli azzurri piemontesi si pone il problema di assicurare le risorse per “sopravvivere” all’accerchiamento del centrosinistra. La Fondazione non si limiterebbe soltanto all’indispensabile opera di fundraising ma, a quanto racconta un insider, allargherebbe la propria azione alla formazione politica dei quadri. Si chiamerà Forza Italia, prefigurando una sorta di franchising dell’insegna della “ditta” azzurra? Nulla è ancora deciso, la questione sarà oggetto di un confronto con i vertici di Palazzo Grazioli e, soprattutto, di Arcore. Toponomastica berlusconiana diventata familiare per Pichetto, in cui può contare su due solide relazioni: il consigliere politico del Capo, Giovanni Toti, e proprio la Rossi, sua ex collega a Palazzo Madama. Così come non sarebbe stata affrontata l’integrazione tra questo nuovo soggetto e la rete dei Club, attualmente nelle mani dell’ex sottosegretario Mino Giachino: nonostante il profluvio di comunicati stampa vergati dal loro coordinatore non sembrano aver mostrato troppa presa in Piemonte, né tra gli elettori né tantomeno tra gli amministratori.

print_icon

5 Commenti

  1. avatar-4
    11:38 Domenica 24 Agosto 2014 Laduraverità2014 Hai ragione Bandito Libero

    Angelo può farcela a distruggere, non se stesso, anzi! ma sicuramente forza italia.

  2. avatar-4
    10:38 Domenica 24 Agosto 2014 Bandito Libero L'unico che può farcela è Angelo

    E con un solo obiettivo: passare 'a iurnata!!! In attesa di quel che prima o poi accadrà. Prima o poi.

  3. avatar-4
    19:32 Venerdì 22 Agosto 2014 Laduraverità2014 Conti rossi di vergogna

    Con Angelo la raccolta sarà facile!Ma la gestione poi? Gil e Angelo sono stati i due peggiori assessori al regione.Angelo, poi, come dipendente del gruppo, non è incompatibile?

  4. avatar-4
    15:10 Venerdì 22 Agosto 2014 l'osservatore Angelo in Mission Impossible

    contributo alla sopravvivenza economica di un partito affetto da cesarismo, gestito da un chiuso gruppo d’élite, dal quale spicca la grande figura politica della Rossi- chi ???. Ma quale ratio sorregge questa mission impossible....

  5. avatar-4
    09:48 Venerdì 22 Agosto 2014 Bandito Libero ma come? i Club Forza Silvio non fanno presa?

    Chissà perché.. Adesso diranno che è colpa di Giachino, ma non è così: dicano in quale regione funzionano in Italia!?

Inserisci un commento