Tav: chiude pagina web pro opera

“Istituzioni totalmente assenti” e “boicottaggi politici”: sono anche queste le motivazioni alla base della decisione presa da un sostenitore della Tav di chiudere la pagina Facebook che lui aveva aperto denominandola “Comitato Sì Tav”. Oggi l’ultimo messaggio che ne annuncia la sospensione “fino a data da definirsi”. Il post lamenta la “mancanza di collaboratori” ma anche “l’assenza delle istituzioni e i boicottaggi” da parte di politici e “di alcuni personaggi parcheggiati alle corti di questo piuttosto di quel partito che hanno deliberatamente intralciato il formarsi di un comitato vero e proprio a seguito delle riunioni della scorsa primavera”. Nel messaggio si denuncia inoltre il “ridicolo campanilismo di parecchi valsusini tanto bravi a demonizzare un torinese armato di buona volontà”.

print_icon