ALTA VELOCITA'

10 milioni per “compensare” la Tav

In Commissione Trasporti della Regione via libera al primo stanziamento da 6,1 mln, cui si aggiungono i 10 del Cipe e i 3,9 del Comune di Susa. Partono i lavori. Conticelli (Pd): "Opere attese da tempo, immediatamente cantierabili"

Arrivano i fondi delle compensazioni in Valsusa, nei comuni interessati dalla Tav. La commissione Trasporti della Regione Piemonte, presieduta da Nadia Conticelli, ha dato oggi parere favorevole allo stanziamento di 6,1 milioni dei 10 stanziati dal Cipe; gli altri 3,9 vengono assegnati dal Comune di Susa. Una pioggia di quattrini per “alleviare” l’impatto ambientale della Torino-Lione sul territorio valsusino. Le opere da realizzare saranno affidate, per la parte che interessa il comune di Chiomonte (4 milioni) alla stazione appaltante della Regione, Scr, e per la restante parte sul territorio di Susa (2 milioni) alla Provincia di Torino. «Sono opere necessarie e attese da tempo – spiega la presidente Conticelli - ci siamo assunti l’impegno di decidere un primo elenco di interventi che riteniamo prioritari e immediatamente cantierabili».

 

Tra le opere decise oggi c’è la realizzazione di un impianto per la fornitura di metano a Chiomonte (2,5 milioni), un paravalanghe e una diga in località Verger (900 mila euro), il nuovo ponte sul torrente Cenischia sulla Statale 25 (900 mila euro), un percorso pedonale lungo la provinciale lungo la Provinciale 209, la rotatoria sulla strada per Meana, lavori di messa in sicurezza su rio Roda e Scaglione e la manutenzione straordinaria e riqualificazione energetica  dell’Istituto tecnico di Susa.

print_icon

0 Commenti

Inserisci un commento