CAMPANILI SERA

Non c’è l’asso nella Manica di Ballarè

Crolla la popolarità del renzianissimo sindaco di Novara. Il caso Musa infiamma gli animi in città e nel Pd. Alle sue spalle si materializza l'ombra della presidentessa democratica. Che qualcuno stia lavorando a un avvicendamento?

Anche l’immagine di Renzi boys che aveva costruito di sé e che gli avrebbe potuto garantire una tranquilla permanenza a Palazzo Cabrino nonché  una sicura ricandidatura nel 2106, non è più così brillante e definita. Andrea Ballarè non è il sindaco più amato dai novaresi, semmai lo sia stato, ma soprattutto neppure da tutto il suo stesso partito. I mal di pancia nel Pd sotto la cupola di San Gaudenzio non sono cosa recente, ma oggi sono esplosi dopo la vicenda dei parcheggi, il cosiddetto piano Musa, che il sindaco ha voluto e si è intestato pur in contrasto proprio con una parte dei suoi. Tanto che l’ipotesi delle primarie per la scelta del candidato sindaco sembra farsi sempre più concreta, smentendo di fatto o comunque minando pesantemente l’autocandidatura che lo stesso Ballarè ha già prospettato con più di una iniziativa. C’è addirittura chi fa un salto in avanti e ipotizza un cambio, in occasione del secondo mandato, con Giuliana Manica, ex assessore regionale, presidente regionale del Pd e “donna” forte dei democratici novaresi.

 

Qualche assessore comunale che ha proprio nell’ex consigliera di Palazzo Lascaris il suo riferimento, potrebbe uscire allo scoperto e capeggiare quella fronda interna, non così esigua, anti-Ballarè. Così come non si può escludere che nei prossimi mesi si dia corso a un’idea che serpeggia tra una parte dei dem novaresi: la preparazione di una lista civica.

 

Il presente, intanto, racconta di una tensione palpabile e di contrasti difficili da nascondere. In occasione della votazione della mozione delle minoranze contro il piano parcheggi, che pure è stata respinta, sono state notate (e rimarcate) le non casuali assenze di tre consiglieri Pd, Roberto D’Intino, Biagio Diana e Carlo Pisano. Un direttivo del partito alla vigilia del consiglio comunale era stato contrassegnato da accese discussioni e non certo da una piena condivisione della linea del sindaco. Al quale una parte del Pd avrebbe già più volte chiesto un cambio di passo, tanto più che il borsino di Ballarè segna un calo costante. Scelte impopolari e difficili da motivare come quella dell’estensione della sosta a pagamento, non hanno fatto che contribuire a una discesa del gradimento tra i cittadini, con conseguente scatto del campanello di allarme nel partito. Dove Ballarè, come si diceva, non riuscirebbe neppure più a far valere  quell’immagine di giovane sindaco legato con al premier.

 

Oltre qualche foto di tempo fa con Matteo Renzi, sarebbe rimasto poco. Il riferimento novarese con il Nazareno e Palazzo Chigi è appannaggio di Franca Biondelli, sottosegretario al Lavoro, mentre il mancato successo dell’ala renziana al congresso provinciale, che ha visto vincere il bersaniano Matteo Besozzi non ha certo fatto esultare l’altro Matteo. Con inevitabile raffreddamento dei rapporti con Ballarè. Il cui incarico in Anci, più che un riconoscimento da parte del Nazareno, si dice sia stato il risultato di alchimie e compensazioni territoriali varie che hanno favorito il primo cittadino novarese.

 

Non da ultimo, va annotato il fatto che se in direzione nazionale del Pd è entrato un sindaco come quello di Alessandria, Rita Rossa (grazie ai buoni uffici di Piero Fassino), altrettanto non è accaduto per il primo cittadino di Novara che certo non è meno importante o più marginale del capoluogo mandrogno. Segnali e premonizioni che forse Andrea Ballarè non ha valutato nella maniera dovuta. Ora bisogna vedere se e come interpreterà quegli altri segnali, spesso chiari e inequivocabili, che gli stanno arrivando proprio dall’interno del suo partito. A poco più (o meno)  di un anno dall’apertura delle danze per le elezioni comunali.

print_icon

1 Commenti

  1. avatar-4
    23:21 Martedì 03 Febbraio 2015 Baskettaro ma per piacere

    Miss lifting manica e' invotabile.

Inserisci un commento