GRANA PADANA

Prostitute romene nel residence leghista

Finisce nei guai il segretario del Carroccio di Settimo Torinese. L'immobile di sua proprietà, sede locale del partito, era diventato un'alcova per incontri di sesso mercenario. A occupare gli appartamenti giovani donne dell'Est

Le lucciole originarie della Romania si recavano nel residence dove fino a pochi giorni fa campeggiava la bandiera della Lega Nord. Così finisce nei guai Gianluigi Cernusco, 66 anni, segretario del Carroccio a Settimo Torinese, popoloso comune dell’hinterland di Torino. L’imprenditore è il proprietario del So.Ge.Re di via Torino e secondo Carabinieri e Polizia avrebbe favorito la presenza, nelle stanze della sua struttura ricettiva, di ragazze provenienti dall’Europa dell’Est che si prostituivano per i suoi clienti. Il “residence dell’amore” com’è già stato soprannominato è stato chiuso dalle forze dell’ordine che al momento del blitz hanno fermato una prostituta romena di 24 anni che esercitava nel residence di Cernusco.

 

A quanto pare alcune ragazze, in maggioranza straniere, avrebbero preso in affitto alcuni appartamenti in cui ricevevano i propri clienti.  Recentemente il residence è stato colpito anche da un’ordinanza di sospensione dell’attività commerciale, per altre irregolarità amministrative accertate dalla Questura di Torino. Ora le indagini si concentreranno sul ruolo di Cernusco, per capire se il dirigente leghista fosse consapevole delle attività svolte dalle donne all’interno dei suoi appartamenti. Lui, intervistato dalla Voce di Chivasso, nega ogni addebito: «Non c’è nulla di vero, non mi risultano denunce a mio carico, ma a febbraio è venuta la questura a controllare tutte le camere. Poi se ne sono andati senza dirmi nulla. So che ho dovuto adeguarmi alla normativa sulla prevenzione incendi, ma null’altro» . Intanto però c’è una denuncia per attività connesse al favoreggiamento della prostituzione: «La legge Merlin? Io ho pure raccolto le firme per abrogarla».

 

La questione diventa evidentemente politica. Anche perché nello stesso stabile in cui le ragazze dell’est avrebbero svolto le proprie attività c’era pure la sede della Lega Nord, con tanto di bandiera verde. Alle ultime elezioni amministrative Cernusco si è candidato con la lista “Prima gli italiani, no privilegi agli zingari”, con l’appoggio dei vertici del Carroccio subalpino, che hanno presenziato alla conferenza stampa di presentazione. Naturalmente nel residence dell’amore.

print_icon

6 Commenti

  1. avatar-4
    15:32 Mercoledì 20 Maggio 2015 Spifferaio come gli idraulici??? allora andamo male!!

    Legalizzare va bene, ma se ci aspettiamo che paghino le tasse "come gli idraulici", allora mi sa che avremo anche da loro una bella e corposa quota di evasione!! Forse è per questo che han scelto la sede della Lega per esercitare... per avere già da oggi la massima comprensione del "diritto" ad evadere il fisco!!

  2. avatar-4
    17:08 Domenica 05 Aprile 2015 moschettiere Piazzista docet

    Moralismi facili a parte, è davvero triste constatare la deriva etica della classe dirigente, a tutti i livelli. Specchio di una società marcia destinata ad un disfacimento che è già iniziato.

  3. avatar-4
    01:14 Domenica 05 Aprile 2015 patty Tranquilli, i leghisti son razzisti con tutte le donne, non solo con quelle rumene.

    I meridionali puzzano, gli stranieri puzzano, le donne puzzano, ma non puzzano i soldi delle prostitute. Viva la Lega, che con 4 slogan son vent'anni che ci frega.

  4. avatar-4
    11:31 Sabato 04 Aprile 2015 usque tandem Nessun stupore

    Con questa classe politica...... (tutti, non solo la lega)

  5. avatar-4
    08:13 Sabato 04 Aprile 2015 arabafenice Alberghi e residence

    Ma tutti gli alberghi e residence che affittano camere ad ore e non, lo fanno solo a coppie sposate "con regolare stato di famiglia" o a persone sole?.Chi li va a controllare?Il problema è la prostituzione e il fatto che c'è una bandiera della Lega Nord mentre dalle altre parti no?

  6. avatar-4
    18:13 Venerdì 03 Aprile 2015 silvioviale CONTRARIO A RIAPRIRE LE "CASE CHIUSE" ...

    Basta legalizzare le prostituzione come ogni categoria professionale ... come gli idraulici, per esempio.Apprezzo, però, questa iniziativa militante antiproibizionista.

Inserisci un commento