CARROCCIO

Salvini sfida giudici e sinistra

Il leader della Lega a Torino per protestare contro la sentenza "salva-Chiamparino". Presidio davanti al Tar assieme ai militanti di Casa Pound. Poi a Poirino per una cena organizzata dai due protagonisti dei ricorsi sulle firme false, Borghezio e Borgarello

“Sulle firme false del Pd non finisce qui”. Parola di Matteo Salvini. Lo aveva annunciato non appena era stata resa nota la decisione dei giudici e lo ripeterà domani alle 18,30 proprio davanti alla sede del Tar in corso Stati Uniti dove la Lega Nord ha organizzato una manifestazione “Contro la sentenza salva-Chiamparino”.

 

Quando, giovedì scorso era stata resa nota la decisione dei giudici amministrativi, il leader del Carroccio  aveva twittato: “Il TAR del Piemonte salva Chiamparino e il Pd. Che schifo. Le firme false, se sono di sinistra, sono meno false? Alla faccia della giustizia. Ma non finisce qui”. Una reazione durissima che ha portato anche a un cambio di programma della visita, fissata da qualche settimana, del segretario leghista: annullato il presidio previsto in un primo tempo davanti al Moi, Salvini, insieme a tutto lo stato maggiore torinese, privilegerà l’altra protesta, quella contro una sentenza che la Lega considera iniqua rispetto a quanto avvenuto – per analoga questione – nei confronti di Roberto Cota, la cui giunta era stata mandata a casa proprio da una sentenza del Tar. “Che, invece, ha salvato Chiamparino e la maggioranza di sinistra” ribadisce Riccardo Molinari,numero due di via Bellerio. Una bilancia con il Piemonte su un piatto e sull’altro un pesante Sergio Chiamparino, simbolo di una Giustizia “con due pesi e due misure”.

 

Prima di approdare a Torino, Salvini farà tappa a Novara: un appuntamento che di fatto apre la campagna elettorale per le prossime elezioni comunali in vista delle quali il centrodestra non ha ancora definito né candidati, né alleanze. L’altro Matteo punta su Alessandro Canelli, l’uomo giusto per contendere il Comune ad Andrea Ballarè, almeno secondo il vertice federale del partito. Una posizione  che, tuttavia, non sarebbe condivisa con Cota, il quale starebbe lavorando a un altro nome. All’ombra della cupola di san Gaudenzio si agita nel centrodestra anche Gaetano Nastri.

 

Tornando sotto la Mole, dopo la manifestazione davanti a Tar alla quale pare parteciperà anche una delegazione di Casa Pound capeggiata dal suo leader piemontese Marco Racca, Salvini raggiungerà Poirino, dov’è in atto – anche lì – un presidio contro le ondate di migranti e poi si ritroverà in un ristorante della città con un gruppo di imprenditori che hanno accolto l’invito di Mario Borghezio e Patrizia Borgarello - come annunciò per primo Lo Spiffero - i due protagonisti dei ricorsi contro il Pd e Chiamparino per la vicenda delle firme: uno alla Procura ha dato il via all’inchiesta penale, l’altro volto a far decadere la giunta attraverso l’iter amministrativo. Circa 150 gli invitati attesi, anche se nel partito torinese c’è chi auspica un flop e non è un caso che il direttivo provinciale pare abbia intenzione di disertare l’appuntamento.

 

print_icon

10 Commenti

  1. avatar-4
    23:24 Giovedì 16 Luglio 2015 moschettiere Allora preciso

    Premettendo che obiettivamente condivido chi sostiene che spesso la magistratura ha assunto posizioni di apparente simpatia a sinistra e anche qualcosa di più, non amo parlare a vanvera e neppure starnazzare come comari. Si ritiene che sia stata commessa un'ingiustizia? Esistono i mezzi legali per intervenire.Nel generalizzare il principio del doppio grado di giurisdizione, la legge n.1034/1971 ha disciplinato, come mezzo ordinario di impugnazione delle sentenze emesse dai TAR, l’appello al Consiglio di Stato, quale mezzo di riesame integrale della controversia decisa in prime cure. Con l’entrata in vigore del Codice del processo amministrativo (d.lgs. n. 104/2010), la disciplina dell’appello ha trovato una collocazione agli artt. 100 e ss. del Codice, nell’ambito del Titolo III relativo ai mezzi di impugnazione delle sentenze dei Tribunali amministrativi regionali. Questo è, se vi pare.L’appello è un rimedio, a critica libera, che la parte soccombente può esperire per far valere, oltre agli errori e ai vizi, anche l’ingiustizia della sentenza impugnata. Giusto?

  2. avatar-4
    16:12 Giovedì 16 Luglio 2015 Bandito Libero La decisione del TAR è tutto tranne che nel rispetto della LEGGE, Moschettiere!!

    Capisco che il duo B

  3. avatar-4
    12:08 Giovedì 16 Luglio 2015 Veritas2015 Caro moschettiere

    La realtà è che di leghe ne esiste una ma di leghisti tanti per fortuna ... E non si può sempre sotto stare ai soliti quattro manipolatori di via Poggio vuoi un elenco di coloro che circondano la lega di Poggio ?!

  4. avatar-4
    10:09 Giovedì 16 Luglio 2015 moschettiere Brancaleone mette le tende a Poirino

    Il duo padano BB (Borghezio Borgarello) è proprio disperato. Non ha compreso che la decisione del TAR è nel rispetto della Legge, la stessa alla quale si sono appellati. E i cavilli esistono e sono legittimi. Mi stupisce che Salvini si presti a questi giochi di bassa propaganda politica e si unisca a quell'armata Brancaleone che vorrebbe dimostrare che in Piemonte esiste una seconda Lega, corretta e operativa. Staremo a vedere.

  5. avatar-4
    10:07 Giovedì 16 Luglio 2015 Simona S. i Radicali sono interessati alla legalità solo se fa comodo! meglio la pagnotta! vero Viale?

    I sepolcri imbiancati dei Radicali sono interessati alla legalità solo SE e QUANDO fa comodo loro!!! Sennò preferiscono di gran lunga la pagnotta che il PD nelle varie forme gli passa: tessere per mantenere in piedi la baracca, la nomina di Mellano come molto lautamente pagato Garante dei Detenuti, Igor Boni commissario straordinario dell'IPLA (oltre che esserne già dipendente super-stipendiato, ma qui i conflitti di interesse non esistono...), Viale consigliere comunale a Torino del PD, Manfredi funzionario apicale ($$$$$) nel settore Sanità della Regione... Ho dimenticato qualcuno? No, perché sono finiti, essendo solamente in 4 a Torino... VialeNasoLungo taci, che fai più bella figura. Ipocriti siete. Altro che paladini della legalità.

  6. avatar-4
    23:23 Mercoledì 15 Luglio 2015 silvioviale INVITATO ANCHE GIOVINE

    Così Salvini si rinfresca la memoria.

  7. avatar-4
    20:01 Mercoledì 15 Luglio 2015 daniele galli équilibre équilibre

    forse Salvini non sa che è la terza volta di fila che la Lega impone un candidato sindaco a Novara, credo sia giunta l'ora di cambiare gioco, giocatori e mazzieri.

  8. avatar-4
    19:38 Mercoledì 15 Luglio 2015 l'osservatore PalaNastri e la Fatal Novara

    se si agitato i soliti noti, in particolare Cota Nastri e il suo fido Sozzani,quelli della sconfitta con Ballarè, tutto è già scritto, il PD raddoppia. Mai stato cosi disastrato il centro destra a Novara in mano a nani e ballerine.

  9. avatar-4
    17:53 Mercoledì 15 Luglio 2015 honeymoon ..conti in ordine..

    Guardate che il ricorso è stato fatto da Rabellino e co. Borgarello ha firmato perchè gli è stato consegnato dal suo compagno di merende di Lega Padana. tra l'altro i due inizino a versare alla Lega. Ma i soldi della cena a chi andranno?

  10. avatar-4
    17:46 Mercoledì 15 Luglio 2015 versionedibarney Devono essere le alte temperature di questi giorni....

    Manifestare davanti al TAR? Non hanno capito che il TAR ha competenza giuridica solo per vizi ed irregolarità formali? Che non c'è nessuno burocrate e - politicizzato di loro? Che non gliene può fregare di Cota e Chiamparino? ...Poveretti: con questo caldo poi! Ma Salvini non era al mare a farsi fotografare il petto villoso?

Inserisci un commento